Psicologia: meno credibile chi parla con accento straniero

Psicologia: meno credibile chi parla con accento straniero

All'estero per vacanza o per lavoro? Attenzione: anche se parlate perfettamente la lingua del posto, le vostre parole avranno meno valore perché, secondo uno studio americano, l'accento straniero mina la credibilità di chi parla

da in Benessere, Psicologia, lingua
Ultimo aggiornamento:

    Parlare con accento straniero rende meno credibili

    Una parlata esotica, diversa dal solito accento a cui siamo abituati, ha sempre un certo fascino, per lo meno a livello teorico. Secondo uno studio americano, infatti, quando ascoltiamo qualcuno che, pur parlando nella nostra lingua, mostra un’inevitabile accento straniero, ci fidiamo poco, spesso anche a livello inconscio.

    I ricercatori dell’Università di Chicago, infatti, hanno sottoposto un gruppo di volontari al giudizio di alcuni ascoltatori che dovevano, al termine della seduta di ascolto, dare un voto alla credibilità di chi parlava loro. I risultati, pubblicati sulla rivista scientifica “Journal of Experimental Socia Psychology” non lascerebbero dubbi: c’è un forte legame tra la verità attribuita alle parole e l’intensità dell’accento straniero. In particolare, la prima cala all’aumentare della seconda.

    Come si spiega? Probabilmente la minore credibilità attribuita a una parlata esotica dipende dalla maggiore difficoltà di comprensione che interessa un eventuale ascoltatore durante la comunicazione. Infatti, chi non è madrelingua non si esprime perfettamente nell’idioma appreso e un accento straniero implica, nel destinatario della conversazione, un maggiore sforzo per capire.

    E quando si fatica a intendere, si finisce per non credere troppo a quello che si è sentito, a volte anche inconsapevolmente.

    Un bel problema se pensiamo che oggi, ancor più che in passato, milioni di persone si trovano a parlare quotidianamente una lingua che non è la loro, per lavoro, per turismo o per semplice migrazione: anche il più ferrato nelle lingue avrà sempre un pizzico di cadenza estera e, almeno secondo lo studio, la sua credibilità sarà minata in partenza. Forse questo influisce anche sulle difficoltà di integrazione.

    336

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenesserePsicologialingua
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI