Psicologia: maturità, panico da esami per gli studenti italiani

Psicologia: maturità, panico da esami per gli studenti italiani

L’esame di maturità è una realtà imminente per migliaia di giovani italiani ed ecco che scatta il panico, l’ansia da prestazione e non solo: paura e stress sono dietro l’angolo

da in Adolescenti, Ansia, Giovani, Psicologia, Scuole, Stress
Ultimo aggiornamento:

    Maturità, panico per gli studenti

    La scuola è agli sgoccioli e l’esame di maturità è davvero dietro l’angolo: per molti studenti questo passaggio obbligato si traduce in panico, stress e tensione alla stelle, come confermano gli esperti. Giovani “sull’orlo di una crisi di nervi”? Sembra proprio di sì, per i ragazzi alle prese con l’esame di maturità, le emozioni più frequenti e vive si chiamano panico, stress e paura.

    Sono la stragrande maggioranza i giovani colti da vere proprie crisi di ansia e paura, quando si trovano a dover affrontare libri, appunti & co. per preparare l’esame di maturità. “Due studenti su tre vengono colti nel periodo di preparazione dell’esame di maturità dalla paura. Questa prova toglie il sonno ogni anno a migliaia di studenti e li fa vivere per due mesi con cefalea, mal di stomaco, tachicardia, apatia, agitazione e panico” ha osservato l’esperta, Paola Vinciguerra, psicologa, psicoterapeuta, Presidente dell’Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di panico.

    Perdono il sonno e la serenità, ma non solo: i maturandi cadono molto spesso vittime di veri e propri stati di panico e ansia, complici la paura di sostenere il primo vero esame da “quasi adulti” e di cambiare vita.

    I timori non mancano per gli studenti, che “hanno paura di essere giudicati non solo per la loro preparazione scolastica ma anche per il loro modo di essere, per le loro capacità personali. Hanno paura di deludere i genitori soprattutto quelli che nei figli hanno riposto aspettative molto alte.

    Hanno paura di fare una figuraccia con gli amici, di perdere la loro stima. Essere vincenti per moltissimi ragazzi vuol dire essere accettati e entrare senza difficoltà nel gruppo. Se sei perdente stai fuori. La paura deve essere vissuta non come un freno ma come una risorsa. E’ importante non perdere la fiducia nelle proprie capacità, dall’inizio alla fine e non farsi condizionare troppo da questo evento” ha aggiunto la dottoressa Vinciguerra.

    410

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiAnsiaGiovaniPsicologiaScuoleStress
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI