Psicologia: le metafore influenzano l’opinione pubblica

Psicologia: le metafore influenzano l’opinione pubblica

Una recente ricerca è riuscita a mettere in evidenza che le metafore hanno un potere di persuasione occulto, che riesce ad influenzare l'opinione pubblica

da in Linguaggio, Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    psicologia metafore opinione pubblica

    In tema di psicologia le metafore sono in grado di influenzare l’opinione pubblica. Ad affermarlo sono stati i ricercatori dell’Università di Stanford, i quali hanno cercato di verificare come le parole sono in grado di modificare le risposte sociali alla criminalità. Uno studio interessante che ci fa riflettere sul valore delle metafore.

    Per comprendere il valore di questa ricerca, dobbiamo tenere in considerazione il fatto che le metafore vengono usate in maniera molto diffusa. Secondo recenti stime, si usa una metafora ogni 25 parole. In effetti la metafora rappresenta un elemento fondamentale del linguaggio. Gli studiosi hanno preso in considerazione 485 studenti, che avevano il compito di leggere i dati che riguardavano i tassi di criminalità in una determinata città. In alcuni casi il crimine è stato definito “bestia” e in altri casi “virus”. A questo punto i volontari avevano il compito di scegliere le soluzioni più adatte a intervenire in termini di sicurezza.

    Si è potuto notare che gli studenti che avevano descritto il crimine come bestia sceglievano prevalentemente le misure forti, mentre gli studenti che avevano definito il crimine come virus erano più restii a scegliere le maniere decisive di agire. La percentuale era pari a 71% nel primo caso e a 54% nel secondo caso.


    È come se in tema di linguaggio si potesse parlare dell’impronta delle parole. Un aspetto interessante della questione risiede nel fatto che il potere di persuasione delle metafore sarebbe sostanzialmente occulto. I volontari infatti non erano consapevoli dell’influenza che avevano ricevuto da parte delle metafore stesse.

    Nella nostra mente non tutte le parole hanno la stessa valenza, ad esempio una recente ricerca in tema di linguaggio ha dimostrato che esistono le parole che fanno sorridere. Il potere delle metafore non è ancora pienamente spiegabile, ma, come afferma Marco Alessandro Villamira, professore di psicologia della comunicazione all’Università Iulm di Milano:

    C’è un ambiente che ha inesorabilmente delle regole, dentro le quali si muovono i soggetti. La metafora sta nell’ambiente, cioè crea la situazione in cui soggetti si muovono e in cui utilizzano certe regole di decisione, di comportamento.

    420

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LinguaggioMentePrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI