Psicologia: la solitudine fa sentire freddo

Psicologia: la solitudine fa sentire freddo

Due ricerche sono riuscite a dimostrare che chi si sente solo prova anche una sensazione di freddo

da in Benessere, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    psicologia solitudine freddo

    Due ricerche in tema di psicologia dimostrano che la solitudine fa sentire freddo. Si tratta di due studi portati avanti dai ricercatori dell’Università di Toronto, che hanno rintracciato una vera e propria corrispondenza fra sensazione di solitudine e sensazione di freddo. Una metafora quindi che diventa qualcosa di concreto.

    La ricerca scientifica già da tempo ha fatto dei passi avanti per ciò che concerne gli effetti della solitudine. Ad esempio si è dimostrato che la solitudine accorcia la vita. In effetti possiamo dire che, in seguito alla correlazione fra mente e corpo, il sentirsi soli ha delle conseguenze anche sul corpo. L’ipertensione è stata annoverata fra i pericoli della solitudine. Gli studiosi dell’Università di Toronto hanno preso in considerazione circa 65 studenti.

    In una prima fase dello studio hanno chiesto ai soggetti coinvolti di richiamare alla memoria le situazioni in cui si erano sentiti soli o avevano potuto beneficiare dell’affetto delle persone care.

    Nella seconda fase dello studio sono stati interrogati sulla temperatura che percepivano nella stanza in cui si trovavano. Si è potuto riscontrare che coloro che si sentivano parte di un gruppo percepivano una temperatura più alta. Nella seconda ricerca sono stati coinvolti 52 studenti che avevano il compito di giocare al computer, anche se alcuni di loro venivano esclusi dal gioco. Si è visto che questi ultimi preferivano in seguito mangiare una minestra calda e bere del caffè bollente.

    I ricercatori hanno ipotizzato che nel nostro cervello ci sia un luogo di incontro tra emotività e fisicità. Una dimostrazione di tutto ciò potrebbe essere rappresentata dal fatto che l’obesità nei bambini è causata anche dalla solitudine.

    346

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereMentePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI