Psicologia coppia: nel matrimonio occorre saper litigare

Psicologia coppia: nel matrimonio occorre saper litigare

Una recente ricerca mette in guardia le coppie: nel matrimonio bisogna saper litigare

da in Benessere, Comportamento, Primo Piano, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    psicologia coppia matrimonio

    Una nuova acquisizione nell’ambito della psicologia di coppia sul matrimonio messa in luce dai ricercatori dell’Università del Michigan è certamente destinata a far parlare di sé. Gli studiosi infatti sono giunti alla conclusione che un matrimonio felice si basa anche sul saper litigare. Si può dire che ci sia una maniera corretta di condurre un litigio.

    Tutto questo non può non avere un’influenza positiva sull’andamento del matrimonio. Gli studiosi hanno analizzato i comportamenti messi in atto dai coniugi quando essi si trovano alle prese con le liti di coppia. L’analisi si è basata su alcune coppie in particolare e ha permesso di riscontrare la presenza di atteggiamenti comuni e ricorrenti, che vanno al di là dei temperamenti individuali e delle differenze dettate dalle situazioni.

    Si è notata una differenza nella gestione dei conflitti tra i primi anni di matrimonio e il periodo che segue a questi primi anni. All’inizio è il marito che tende a cercare di risolvere le liti in modo costruttivo, ricorrendo soprattutto al dialogo.

    Con il passare del tempo invece sono le donne a rendersi conto dell’utilità di impiegare strategie costruttive. Lo studio in questione ha permesso di verificare che le coppie che litigano non sfoderando atteggiamenti improntati all’egoismo o alla violenza hanno maggiori probabilità di resistere.

    Questo non vuol dire che non si deve litigare. Un litigio condotto senza mezzi termini può essere salutare per la vita della coppia. L’importante è che la donna non cerchi di mostrarsi troppo costruttiva nel corso della discussione, perché, in base ai riscontri dei ricercatori, l’effetto potrebbe essere deleterio, probabilmente perché l’uomo non ama farsi guidare neppure nel dialogo costruttivo.

    340

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereComportamentoPrimo PianoPsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI