Prurito vaginale: possibili cause e relative cure

Prurito vaginale: possibili cause e relative cure

Il prurito vaginale può avere diverse cause, dalle infezioni alla cistite

da in Mucose, Prurito, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    prurito vaginale possibili cause relative cure

    Prurito vaginale: quali sono le possibili cause e le relative cure? Il prurito intimo può essere davvero molto fastidioso e può essere accompagnato da bruciore e da secchezza vaginale. A volte si possono manifestare anche delle perdite. Probabilmente la causa è da ricercare in un’infezione e per questo è importante consultarsi con il proprio ginecologo, per scegliere anche la terapia più giusta in base al problema di cui si soffre. Alla base del prurito intimo femminile ci possono essere cause differenti e a ciascuna di esse corrisponde un determinato rimedio. Vediamo quali sono le cause più comuni e le soluzioni a cui è possibile fare ricorso.

    Le cause

    Le cause del prurito vaginale possono essere rintracciate in alcune infezioni. Tra queste, possiamo ricordare la candida e le vaginosi batteriche. La prima è accompagnata da perdite abbondanti di colore bianco-giallastro. Le seconde si distinguono per le loro perdite di cattivo odore.

    Un’altra causa del prurito intimo esterno può essere rappresentata dalla vestibolite vulvulare, un’infiammazione della parte esterna della vagina, oppure un altro motivo può essere costituito dalla cistite, un’infiammazione alle pareti della vescica. A volte si tratta di abitudini sbagliate che riguardano l’igiene intima, che possono determinare un fastidioso prurito intimo interno.

    In questo caso le cause possono essere rapportate all’uso di prodotti non adeguati o al ricorso a detergenti aggressivi.

    Anche la depilazione fatta in maniera sbagliata può essere un motivo di prurito intimo e qualche problema può essere dato anche dall’uso della biancheria in tessuti sintetici. Il prurito vaginale si può rapportare anche alla menopausa: con il calo di estrogeni si possono avere delle conseguenze sulla mucosa vaginale.

    Le cure

    Le cure per il prurito vaginale vanno scelte in accordo con il medico di fiducia, il quale potrà prescrivere anche degli antibiotici, se il problema è determinato da un’infezione scatenata dai batteri. A disposizione ci sono anche dei farmaci antifungini, come, per esempio, il miconazolo o il clotrimazolo. Queste medicine si possono utilizzare anche sotto forma di polveri da applicare sulle parti intime.

    Possono essere utili l’uso di prodotti non aggressivi per l’igiene intima e il ricorso a prodotti chimici per la depilazione che non siano molto forti. Molto importante è indossare biancheria intima in fibre naturali, come il cotone, oppure ci sono dei rimedi naturali. Fra questi, gli impacchi a base di camomilla o l’uso di aceto bianco e acqua per l’igiene intima. A disposizione anche delle lavande vaginali, che vanno bene contro le irritazioni e le infezioni.

    515

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MucosePruritoSalute Donna
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI