Prevenzione: troppa vitamina D rende le ossa più fragili

Prevenzione: troppa vitamina D rende le ossa più fragili

Uno studio americano punta l’attenzione sugli effetti della vitamina D sulla nostra salute

da in Benessere, News Salute, Ossa, Prevenzione, Ricerca Medica, Vitamina D
Ultimo aggiornamento:

    prevenzione vitamina d ossa

    In tema di prevenzione è da tenere presente che troppa vitamina D rende le ossa più fragili. Ad affermarlo sono stati i ricercatori del Minneapolis Veterans Affairs Medical Center e dell’University of Minnesota di Minneapolis. Si è infatti riscontrato che dosi elevate di vitamina D possono portare a degli effetti opposti a quelli desiderati, mettendo a rischio la nostra salute.

    Le benefiche proprietà della vitamina D sono ampiamente note. Si sa infatti per esempio che la vitamina D è fondamentale per il sistema immunitario, inoltre essa si dimostra fondamentale per l’assorbimento del calcio e quindi per garantire la salute delle ossa. Gli esperti raccomandano di non fare mancare al nostro organismo questa importante molecola, ricorrendo ad un’alimentazione adeguata, all’esposizione al sole e in certi casi anche ad appositi integratori alimentari.

    Ma non bisogna esagerare.

    I ricercatori hanno valutato il livello di vitamina D presente nel sangue di più di 6.000 donne di età superiore ai 69 anni e in questo modo hanno avuto l’occasione di riscontrare che sia le donne con bassi livelli di vitamina D che le donne con valori troppo elevati della stessa vitamina presentavano ossa più fragili.

    Se da un lato quindi si calcola che per quanto riguarda la vitamina D è troppo poca quella assunta, dall’altro si deve fare attenzione ad essere moderati soprattutto quando si tratta di ricorrere a supplementi vitaminici. Al riguardo servono infatti ancora altre conferme. Su questo la ricerca scientifica può fare molto, garantendo la possibilità di non essere esposti a pericoli inutili per il nostro benessere.

    332

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereNews SaluteOssaPrevenzioneRicerca MedicaVitamina D
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI