Pressione: un aiuto dalla pennichella

Pressione: un aiuto dalla pennichella

Secondo una ricerca dell'Allegheny College, negli Usa, la pennichella pomeridiana fa bene al cuore e abbassa la pressione anche dopo un evento stressante

da in Malattie, Pressione, Ricerca Medica, Stress, Sistema-Cardiocircolatorio
Ultimo aggiornamento:

    pennichella

    Ecco, una notizia che, forse, vi farà felici: la pennichella fa bene al cuore. Bastano, infatti, 45 minuti di riposo per far tornare la pressione sanguigna entro i valori normali, soprattutto dopo un evento stressante. L’avreste mai detto? Ebbene si, e a sostenerlo, è uno studio dell’Allegheny College, negli Usa, pubblicato sul “Journal of Behavioural Medicine”.

    Lo studio ha coinvolto 2 gruppi di persone, uno con la “licenza” di dormire fino a 60 minuti, l’altro con il divieto categorico di concedersi il classico pisolino pomeridiano. L’esito dell’esperimento, così, ha messo in evidenza come il gruppo che aveva dormito tra i 45 e i 60 minuti, avesse valori della pressione sanguigna più bassi, anche dopo un’attività stressante.

    Secondo gli esperti, rispetto a 50 anni fa, oggi si è abituati a riposare di meno, a causa dei ritmi di lavoro più sostenuti, dello stile di vita del tutto diverso e rivoluzionato dalle nuove tecnologie, e anche perché, effettivamente, sono aumentati i lavori notturni. I ricercatori, inoltre, hanno stimato che rispetto a 50 anni fa, le persone hanno perso 2 ore di sonno per notte.

    Il riposo è fondamentale per il benessere del nostro organismo, a beneficio anche della memoria e della creatività.

    Come gli stessi ricercatori sostengono, saranno necessari ulteriori ricerche, per chiarire prima di tutto il meccanismo con cui il sonno diurno è collegato con il sistema cardiovascolare. Successivamente, sarà valutato l’effetto salutare della pennichella pomeridiana soprattutto per i soggetti con rischio di malattie a carico del sistema cardiocircolatorio, ma anche per le persone con una qualità del sonno non ottimale.

    318

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattiePressioneRicerca MedicaStressSistema-Cardiocircolatorio
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI