NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Pressione alta: cause, sintomi e rimedi

Pressione alta: cause, sintomi e rimedi

La pressione alta è una condizione che non va sottovalutata e che può provocare gravi sintomi. Nota anche come ipertensione, la pressione alta è caratterizzata da valori della pressione sanguigna superiori alla media. Ma quali sono le cause? Quali sono i rimedi? Cosa fare contro la pressione alta? Scopriamo di più in merito.

da in Ipertensione, Pressione

    Pressione alta

    Quali sono le cause, i sintomi e i rimedi per la pressione alta? Questa condizione è nota anche come “ipertensione” ed è caratterizzata da valori superiori alla media: una persona soffre, infatti, di pressione alta, quando i valori che si riferiscono alla pressione salgono al di sopra dei 140-90 mmHg. I valori presi in considerazione sono la pressione massima (sistolica) e la pressione minima (diastolica). Tra i diversi sintomi della pressione alta, c’è il mal di testa. Ma qual è la sintomatologia esatta? Cosa fare contro la pressione alta per abbassarla subito? Cosa mangiare o non mangiare? Qual è il trattamento per la guarigione? Scopriamo di più in merito.

    La pressione alta è conosciuta anche come “ipertensione”: si tratta – come anticipato prima – di una condizione in cui i valori della pressione arteriosa, a riposo, sono superiori alla norma e salgono al di sopra dei 140 mmHg, per la sistolica e dei 90 mmHg, per la diastolica. L’ipertensione è una condizione che non va sottovalutata. La pressione arteriosa sistolica – cioè, la massima – è quella misurata nel momento in cui il cuore batte e si contrae; mentre, la pressione arteriosa diastolica – cioè, la minima – è misurata tra un battito e l’altro, quando il cuore è rilassato. La pressione alta è, purtroppo, un disturbo diffuso. Più bassa è la pressione e minore è il rischio di mortalità.

    È necessario che i valori della pressione arteriosa si mantengano entro un determinato limite per non destare preoccupazione. La tabella seguente mostra, nel dettaglio, i valori in questione.



    Pressione sanguignaValori
    Pressione bassa pericolosainferiore a 50/33 mmHg
    Pressione troppo bassainferiore a 60/40 mmHg
    Pressione bassainferiore a 90/60 mmHg
    Pressione arteriosa ottimaleinferiore a 115/75 mmHg
    Pressione arteriosa accettabileinferiore a 130/85 mmHg
    Pre-ipertensione130-139/85-89 mmHg
    Ipertensione di stadio I140-159/90-99 mmHg
    Ipertensione di stadio IIsuperiore a 160/100 mmHg


    La pressione sanguigna tende ad essere maggiormente elevata nelle prime ore del mattino o dopo una passeggiata: è per questa ragione che casi di infarto e ictus, ad esempio, sono più comuni nelle prime ore della giornata. Al contrario, durante la notte, la pressione scende del 10-20 per cento e, quando ciò non accade, c’è un problema da non sottovalutare. Inoltre, la pressione arteriosa tende ad aumentare con l’età ma, seguendo uno stile di vita sano, alcune persone potrebbero prevenire o ritardare l’ipertensione.

    Le manifestazioni sintomatiche della pressione alta possono essere diverse e può anche capitare che non si manifesti alcun sintomo. I sintomi della pressione alta includono:

    • Pressione alta
    • Mal di testa
    • Stanchezza cronica
    • Nausea
    • Vomito
    • Palpitazioni
    • Vertigini e capogiri
    • Annebbiamento della vista, lampi di luce e altri disturbi agli occhi
    • Epistassi, ovvero sangue dal naso
    • Ronzii alle orecchie
    • Problemi di memoria
    • Nervosismo
    • Ansia
    • Malessere generale

    Questi sono alcuni dei sintomi che possono destare preoccupazione, ma è necessaria una valutazione medica per poter esaminare, correttamente, la situazione di salute del paziente e inquadrare, di conseguenza, la sintomatologia in un contesto più ampio.

    La pressione con cui il sangue preme sulle arterie dopo essere stato pompato dal cuore, se troppo alta, può danneggiare diversi organi del corpo: ad esempio, cuore, arterie e reni.

    Tra le complicazioni e i pericoli della pressione alta ci sono:

    Le cause della pressione alta possono includere:

    • Farmaci, in quanto l’uso di questi ultimi – come, per esempio, la pillola anticoncezionale, i decongestionanti, gli analgesici da banco e alcuni farmaci con obbligo di ricetta – possono influire sui valori della pressione, determinando un loro innalzamento
    • Disturbi renali
    • Malattie, come il diabete
    • Tumori delle ghiandole surrenali
    • Malformazioni cardiache congenite
    • Uso di stupefacenti, come anfetamine e cocaina
    • In alcuni casi, anche la gravidanza

    Nella maggior parte dei casi, le cause dell’ipertensione sono sconosciute: è in questo caso che si parla di “pressione alta essenziale” o “ipertensione primaria”. Quando la pressione alta è provocata da una patologia sottostante, si parla di “ipertensione secondaria”.

    Oltre alle cause, per quanto riguarda la pressione alta, sono da tenere in considerazione anche i fattori di rischio.

    • La sedentarietà
    • Il sovrappeso e l’obesità, perché sarà maggiore la quantità di sangue necessaria per irrorare l’organismo e, dunque, più alta anche la pressione esercitata sulle arterie
    • L’eccesso di sodio e di zucchero nella dieta
    • Il fumo e l’alcol, in quanto provocano restringimenti delle pareti delle arterie, oltre a danneggiare il cuore
    • La carenza di vitamina D e di potassio
    • Lo stress
    • Età, in quanto il rischio aumenta con l’invecchiamento
    • Ereditarietà
    • Alla comparsa dei primi segni e dei sintomi, è consigliabile contattare il medico e recarsi per una visita medica, così che sia possibile stabilire una diagnosi e procedere con la prescrizione della terapia più adeguata: verranno effettuati esami e analisi per confermare o meno la presenza di eventuali altre malattie. Oltre alla visita medica base, allo studio dei sintomi, alle analisi del sangue complete e alla misurazione della pressione, potrebbe essere utile procedere anche con alcuni test di approfondimento, come l’esame delle urine e l’elettrocardiogramma. La pressione verrà misurata più volte, in quanto questa è soggetta ai momenti della giornata e all’emozionalità.

      Qual è la cura contro la pressione alta? Il trattamento può variare in base alla causa scatenante e ad altri fattori. La pressione alta non può essere curata in modo definitivo, ma è possibile tenerla sotto controllo. In alcuni casi, potrebbe essere necessario ricorrere ad alcuni farmaci antipertensivi, ma il principio attivo, il dosaggio e la durata della terapia dovranno essere prescritti dal medico: non agite autonomamente, iniziando o interrompendo una cura di vostra spontanea volontà. In altri casi, potrebbero essere utili anche degli integratori ma, anche in questo caso, consultate il medico per evitare pericolosi effetti collaterali.



      AlimentiQuantità
      VerdurePiù di 1 porzione a pasto
      Frutta1-2 porzioni a pasto
      Pane e cereali1-2 porzioni a pasto
      Legumi2 porzioni alla settimana
      Uova2-4 uova a settimana
      Latticini1-2 porzioni al giorno
      PescePiù di 2 porzioni alla settimana
      Carne bianca2 porzioni alla settimana
      Carne rossaMeno di 2 porzioni alla settimana
      DolciMeno di 3 porzioni alla settimana
      Olio extravergine di olivaAd ogni pasto


      Quali sono i rimedi naturali e l’alimentazione da seguire? Esistono alcuni rimedi naturali efficaci contro la pressione alta. Di aiuto è, senza alcun dubbio, modificare lo stile di vita e le abitudini alimentari. Cosa fare? Cosa mangiare o non mangiare contro la pressione alta?

      • Seguite una dieta sana, consumando alcuni cibi contro la pressione alta, come frutta, verdura, cereali integrali e proteine vegetali; evitate, poi, alcuni cibi, come quelli di origine animale e diminuendo la quantità di sale assunta
      • Mantenete il peso forma: se siete in sovrappeso, provate a dimagrire
      • Fate attività fisica: è consigliabile fare almeno mezz’ora di movimento al giorno
      • Evitate l’alcol e il fumo
      • Combattete lo stress: mettete in pratica alcune tecniche di respirazione profonda e di rilassamento come lo yoga o la meditazione, oltre a dormire abbastanza
      • Tenete sotto controllo la pressione, anche a casa

      Tra i rimedi immediati contro la pressione alta, ci sono, soprattutto, le tecniche di rilassamento e di respirazione profonda prima citate.

      La pressione alta è un fenomeno che può presentarsi anche durante la gravidanza. Generalmente, la pressione arteriosa delle donne incinte tende a scendere, progressivamente, dopo le prime settimane di gravidanza fino al termine del secondo trimestre di gestazione, quando inizia a risalire gradualmente. La pressione alta in gravidanza interessa circa il 2-3 per cento delle gestanti: è possibile parlare di “ipertensione gestazionale”, quando la pressione arteriosa sistolica è superiore a 140 mmHg e/o la pressione arteriosa diastolica è superiore ai 90 mmHg.

      Infine, la prognosi dipenderà da diversi fattori, quali la tempestività di intervento, le cause scatenanti e la gravità della condizione, oltre che dall’età e dallo stato di salute del paziente. Ad ogni modo, in caso di terapia, la prognosi è tendenzialmente buona, in quanto si riduce il rischio di disturbi cardiovascolari; se non trattata,invece, aumenta il rischio di complicazioni cardiovascolari.

    1720

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IpertensionePressione
    PIÙ POPOLARI