Praticare l’aromaterapia con attenzione e in ambienti ben areati

Praticare l’aromaterapia con attenzione e in ambienti ben areati

Uno studio condotto a Taiwan ha scoperto la pericolosità dei composti organici volatili che si vanno a formare dai prodotti aromaterapici e oli essenziali usati durante l’aromaterapia

da in Occhi, Oli Essenziali, Stress, Terapie Alternative, Aromaterapia
Ultimo aggiornamento:

    aromaterapia attenzione ambienti

    Occorre fare attenzione quando si pratica l’aromaterapia, soprattutto, per quanto riguarda i locali: devono essere ben areati. Questa pratica, molto diffusa e corteggiata da un vasto numero di persone, aiuta a rilassarsi, a staccare dallo stress che, ormai, ci accompagna per tutta la giornata. Gli specialisti, però, mettono in allerta per quanto riguarda i prodotti e gli oli che vengono usati per praticare l’aromaterapia e gli ambienti in cui si svolgono le sedute.

    Uno studio condotto dai ricercatori dell’università di Tainan, a Taiwan, guidati dal dottor Der-Jen Tsu, ha evidenziato la pericolosità dei prodotti aromaterapici e degli oli essenziali, normalmente usati, e per essere più precisi, i composti e le particelle volatili che si formano durante le sedute, e che vanno a saturare l’ambiente in cui avvengono queste ultime. Durante i massaggi, come sottolineano i risultati della ricerca, pubblicata su Environmental and Engineering Science, i composti volatili che si liberano dai prodotti aromaterapici formano, reagendo con l’ozono, presente nell’aria, degli aerosol (particelle ultrafini) che possono causare irritazione delle vie aeree e degli occhi. I ricercatori hanno scoperto che la quantità di questi composti che, si liberano negli ambienti in cui si svolge l’aromaterapia, è dieci volte in più rispetto al normale.

    Inoltre sono state identificate le piante aromatiche che inquinerebbero maggiormente l’aria: lavanda, eucalipto, limone, e menta.

    Tra i problemi che questi prodotti, o meglio i loro composti organici volatili, causerebbero, oltre ad irritazione delle mucose delle vie aeree e degli occhi, anche nausea e cefalea sarebbero tra i sintomi più diffusi. Gli studiosi non stanno demonizzando l’aromaterapia, ma sottolineano di fare attenzione a dove la si fa: in locali ben areati, dopo aver effettivamente testato i prodotti aromaterapici (per valutare la presenza o no di allergie), e utilizzando le giuste dosi (senza abusare) la si può tranquillamente fare.

    390

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN OcchiOli EssenzialiStressTerapie AlternativeAromaterapia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI