“Poco sale ma iodato” campagna di prevenzione contro le malattie tiroidee

“Poco sale ma iodato” campagna di prevenzione contro le malattie tiroidee

L’associazione ATTA Lazio Onlus ha promosso una nuova campagna di sensibilizzazione contro le malattie tiroidee per informare la popolazione su come prevenirle attraverso l’utilizzo del sale iodato nella propria alimentazione

da in Alimentazione, Benessere, Ghiandole, Sanità, Tiroide, ipotiroidismo, ormoni-tiroidei
Ultimo aggiornamento:

    poco sale ma iodato

    Ha preso il via la nuova campagna di sensibilizzazione per informare la popolazione sulle malattie tiroidee. Intitolata “Poco sale ma iodato”, la campagna è iniziata il 25 maggio e rimarrà attiva per tutta la durata dell’anno. L’iniziativa, promossa dall’associazione ATTA Lazio Onlus (Associazione Regione Lazio degli Ammalati di Tumore della Tiroide e Associati), ha l’obiettivo di far comprendere alla popolazione l’importanza dello iodio, e di conseguenza, del sale iodato, nel contrastare patologie che hanno come bersaglio la tiroide.

    Lo iodio è un’elemento importantissimo per la nostra salute, è essenziale per permettere che la nostra tiroide funzioni correttamente. Senza questo micronutriente la nostra ghiandola tiroidea non è in grado di sintetizzare quantità adeguate di ormoni tiroidei, come la tiroxina (T4) e la triiodotironina (T3). E l’unico metodo per riuscire ad ottenere dei livelli ottimali di iodio è attraverso l’alimentazione. Nel mondo sarebbero 2,2 milioni le persone che presentano dei livelli inadeguati di iodio, mentre in Italia più della metà della popolazione risulta carente.

    Basterebbero solamente 2 o 3 grammi di sale iodato per prevenire patologie a carico della tiroide, ma non solo, dato che una carenza di iodio comporta anche dei danni a livello neurologico di entità non trascurabile. Infatti difficoltà nella concentrazione, stanchezza, vuoti di memoria, depressione sono tutti sintomi derivanti da una scarsa assunzione di iodio. Infine quando la carenza di iodio risulta prolungata nel tempo si rischia di incorrere nell’ipotiroidismo. Per questo motivo è meglio prevenire, basta solamente condire i nostri cibi sostituendo il comune sale da cucina con quello iodato.

    327

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneBenessereGhiandoleSanitàTiroideipotiroidismoormoni-tiroidei
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI