NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Pneumotorace iperteso: cause, sintomi e rimedi

Pneumotorace iperteso: cause, sintomi e rimedi

Lo pneumotorace è un disturbo serio, che assume contorni ancora più preoccupanti se è di tipo iperteso

da in Malattie, Polmoni
Ultimo aggiornamento:

    pneumotorace cause e rimedi

    Può avere una causa precisa, traumatica, oppure essere di tipo spontaneo, ma quel dolore, che può avere l’intensità di una lama che trafigge il torace o essere simile a un leggero fastidio, è il sintomo di un disturbo che pochi conoscono e sanno riconoscere, lo pneumotorace. E’ un problema che colpisce il polmone, uno o entrambi e che, in casi più rari, può degenerare in una complicanza, lo pneumotorace iperteso.

    Lo pneumotorace

    Quando si verifica questa spiacevole eventualità, è tutta colpa, o quasi, dell’ingresso anomalo di aria all’interno dello spazio pleurico, cioè la membrana che riveste i polmoni.

    Se, in condizioni normali, la pressione presente nello spazio pleurico, inferiore rispetto a quella atmosferica e in grado di contrastare efficacemente la tendenza naturale alla retroazione elastica del polmone, lo mantiene gonfio e disteso, in caso di pneumotorace, questo equilibrio naturale viene minato.

    In particolare, l’introduzione di aria a una pressione diversa, superiore rispetto a quella contenuta normalmente del polmone, “rompe” gli equilibri, interferendo con il meccanismo. La retroazione elastica del polmone non può più essere contrastata e, di conseguenza, il polmone si schiaccia e collassa.

    Lo pneumotorace iperteso

    E’ una grave complicanza, più che una patologia diversa, limitata, fortunatamente, a una percentuale ridotta di casi: lo pneumotorace iperteso si verifica quando l’aria, una volta entrata in modo anomalo nello spazio pleurico, continua a penetrare senza alcuna possibilità di uscirne, attraverso un meccanismo a valvola unidirezionale.

    La sintomatologia rilevabile in questo caso ha contorni precisi e poco rassicuranti.

    La persona colpita da pneumotorace iperteso manifesta importante sofferenza respiratoria, caratterizzata anche da dispnea, aumento della frequenza cardiaca e della sudorazione, dolore all’altezza del torace, percepito come una coltellata violenta e improvvisa, cianosi periferica, ansia e, a volte, anche enfisema sottocutaneo.

    I rimedi

    Se nei casi meno seri di pneumotorace, quando le dimensioni sono ridotte e la porzione di polmone interessata è minima, non è previsto alcun trattamento, ma solo l’assoluto riposo, quando si tratta di pneumotorace iperteso, è necessario intervenire tempestivamente.

    Il drenaggio toracico è il trattamento da effettuare con urgenza, per ristabilire la funzionalità polmonare e, di conseguenza, respiratoria. Previa anestesia locale, tramite una piccola incisione tra le costole, viene inserito un catetere, collegato a un sistema apposito che aspira l’aria, favorendone la fuoriuscita dal polmone.

    Quando il drenaggio non basta, è previsto l’intervento chirurgico vero e proprio, che, in videotoracoscopia, in modo mininvasivo, limitando a due piccole incisioni le cicatrici, permette di rimediare all’anomalia pleurica all’origine del problema.

    535

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MalattiePolmoni
    PIÙ POPOLARI