Placebo: dipende dai geni

Placebo: dipende dai geni

Una ricerca americana dimostra come le varianti genetiche degli individui hanno una forte influenza nel determinare la risposta di un paziente al placebo

da in DNA, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    geni

    L’effetto placebo ha delle implicazioni importanti nell’ambito della ricerca e del trattamento terapeutico di alcune patologie. Ma non sembra agire su tutti allo stesso modo, infatti per alcuni individui a degli effetti del tutto simili a quelli conseguiti con un trattamento farmacologico, mentre per altri individui sembra non portare a nessun effetto.

    La differenza potrebbe essere determinata da alcuni geni che influenzano in maniera diretta l’attività cerebrale. La scoperta è stata realizzata da Andrew Leuchter e dai suoi colleghi della University of California di Los Angeles. Lo studioso ha spiegato che l’effetto placebo è dovuto all’azione di neurotrasmettitori come la dopamina e la norepinefrina.

    Queste ultime sono sotto il diretto controllo da parte dei geni, per cui sono le varianti genetiche cha hanno un certo controllo anche sull’effetto placebo. Per arrivare a dimostrare questo i ricercatori hanno preso in considerazione 84 pazienti che soffrivano di depressione.

    32 di questi sono stati sottoposti ad un consueto trattamento farmacologico, 52 invece hanno ricevuto un trattamento a base di placebo.

    Dei pazienti sono state analizzate le varianti genetiche associate ai livelli di dopamina e norepinefrina. Quegli individui che presentavano valori elevati di enzimi capaci di regolare i neurotrasmettitori avevano una risposta al placebo più bassa. Tutto ciò dimostrerebbe che esiste un influsso genetico nel determinare la risposta all’effetto placebo.

    Le influenze determinate dal nostro patrimonio genetico non finiranno mai di stupirci nel farci considerare tutti i dettagliati meccanismi di funzionamento della mente e del corpo.

    Immagine tratta da: psicoanalisi.it

    313

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DNAPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI