Peso ideale: il calcolo per uomo, donna e bambino

Peso ideale: il calcolo per uomo, donna e bambino

Il peso ideale per l’uomo, per la donna e per il bambino tiene conto, per il calcolo, di diversi parametri: sesso, età, altezza, fabbisogno calorico e indice di massa corporea

da in Dimagrire, Peso forma
Ultimo aggiornamento:

    peso ideale calcolo uomo donna bambino

    Raggiungere il peso ideale, determinato con un apposito calcolo, è un obiettivo che in molti si pongono. Ma come essere sicuri dei valori da prendere come punti di riferimento? Esistono differenti formule per calcolare il proprio peso forma, prendendo in considerazione l’uomo, la donna o i bambini. In ogni caso ci sono alcuni fattori, dai quali non si può prescindere: il fabbisogno calorico e l’indice di massa corporea. Spesso si prova a raggiungere il peso ottimale seguendo una dieta, ma, prima di iniziare, è bene avere chiari quali sono i limiti da conseguire, per sapere quanti chili di troppo bisogna smaltire.

    Le formule

    Sono differenti le formule a cui possiamo fare riferimento per sapere qual è il nostro peso ideale: la formula di Lorenz, di Broca, di Wan der Vael, di Berthean, di Perrault, di Travia, l’equazione di Livi, BMI (body max index). A volte la differenza può consistere nel fatto che alcune di esse non prevedono una distinzione fra uomo e donna. Tuttavia tutte procedono in base a dei parametri che possono variare: l’altezza e l’età.

    Per fare qualche esempio, la formula di Lorenz prevede il seguente calcolo: per gli uomini altezza in cm – 100 – (altezza in cm – 150)/4, per le donne altezza in cm – 100 – (altezza in cm – 150)/2. La formula di Broca altezza in cm – 100 (per gli uomini) e altezza in cm – 104 (per le donne). Secondo la formula di Berthean si procede facendo 0,8 x (altezza in cm – 100) + età/2.

    Per calcolare il peso ideale vanno tenute presenti le regole generali stabilite dall’algebra per convenzione: svolgere le operazioni fra parentesi prima di tutte le altre e poi proseguire con il resto dell’espressione da sinistra verso destra, dando precedenza alle moltiplicazioni e alle divisioni rispetto alle addizioni o alle sottrazioni.

    Facciamo un esempio secondo la formula di Lorenz, prendendo in considerazione un uomo alto 180 cm. Ecco come risolvere l’espressione:

    180 – 100 – (180 – 150) / 4

    180 – 100 – (30) / 4

    180 – 100 – 7,5

    80 – 7,5

    72,5 Kg = peso ideale

    E’ da specificare che, dal punto di vista pratico, è meglio contare su una fascia di peso in cui si dovrebbe rientrare più che su un valore in particolare. D’altronde delle variazioni di qualche chilo sono ammesse, in corrispondenza di fenomeni diversi, a partire dalla ritenzione idrica.

    Esiste poi una tabella che mette in rapporto peso/altezza come segue:
    - per l’uomo va dai 51 – 59 chili per 1.55 metri di altezza ai 74 – 86 chili per 1.93 metri
    - per la donna va dai 42 – 49 chili per 1.42 metri di altezza ad un massimo di 63 – 72 chili per 1.78 metri
    Potete scoprire la vostra fascia nella tabella qui sotto:

    tabella peso altezza

    Per i bambini si deve tenere conto di curve di crescita, che comunque non possono presupporre uno standard unico di riferimento, in quanto la crescita è un processo molto variabile, soprattutto in base all’influenze di carattere genetico e ambientale.

    curve di crescita

    I fattori

    Il fabbisogno calorico e l’indice di massa corporea sono due elementi essenziali che vanno tenuti in considerazione per il calcolo del peso ideale. Il primo non costituisce la quantità di calorie, in base alla quale manteniamo il peso posseduto, ma quella che permette di restare fermi al peso ideale massimo. E’ proprio in rapporto a questi valori, che possiamo decidere di intraprendere una dieta dimagrante.

    L’indice di massa corporea è la condizione che permette di contare su un fisico forte e magro. In generale per gli uomini non dovrebbe essere superiore a 22 e per le donne a 20. Nella determinazione di questo valore si deve tenere conto del lavoro svolto, dello sport e dell’attività fisica praticati e delle ore di sonno condotte regolarmente.

    Da non dimenticare i valori con i quali si ha a che fare durante la gravidanza. Idealmente l’aumento (determinato dal peso del feto, della placenta, del liquido amniotico, dell’utero e dai cambiamenti ormonali) dovrebbe essere progressivo: 1 – 2 Kg alla fine del terzo mese, 3,5-5 kg al 5° mese e 9,5-14 kg alla fine della gestazione.

    793

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DimagrirePeso forma
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI