NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Per una guida sicura ci vuole una vista sicura

Per una guida sicura ci vuole una vista sicura

Troppi incidenti stradali sono legati a difetti della vista mal diagnosticati o neppure controllati nei test di idoneità per la patente: la Federazione Europea dell'industria ottica chiede controlli visivi professionali, maggiori e ripetuti nel tempo

da in Analisi Mediche, Benessere, In Evidenza, Vista
Ultimo aggiornamento:

    Vista sicura per guida sicura

    Secondo i dati ISTAT, nel 2008 il 59% degli incidenti stradali è dipeso da cause direttamente legate alla percezione visiva. Ecco, quindi, che una guida sicura non può prescindere da un’attenzione alla vista, controllando in maniera ancora più sistematica i difetti visivi degli automobilisti.

    Data l’alta percentuale di incidenti correlati a problemi visivi, emerge un’inadeguatezza degli attuali controlli della vista che vengono fatti quando si prende la patente o la si rinnova: una situazione comune anche ad altri Stati europei. Eppure si tratta di controlli di rapida e semplice esecuzione e sostanzialmente economici: in Europa un esame d’idoneità visiva da parte di un ottico professionista costa meno di 20 euro.

    La Federazione Europea dell’Industria Ottica, riunitasi recentemente a Strasburgo , ha chiesto, quindi, Parlamento Europeo, alla Commissione Europea e agli Stati Membri un’azione pratica su più fronti, non solo incrementando i controlli della vista ma anche promuovendo campagne periodiche tra i cittadini, per sollecitare l’importanza dei controlli visivi per chi si mette al volante, con lo scopo finale di garantire una guida più sicura.

    Ci sono già dei cambiamenti in atto: dal 2013 è previsto un unico modello europeo di patente, con nuovi requisiti di base per la vista. Tutti coloro che chiederanno la patente dovranno sottoporsi a visite specialistiche adeguate per verificare l’acuità visiva necessaria, anche a distanza, sia monoculare sia binoculare, i campi visivi e ci saranno anche test del senso cromatico (utili per scoprire eventuali difetti in questo ambito, come il daltonismo).

    La federazione europea dell’industria ottica, però, vuole ulteriormente alzare i requisiti, proponendo che i test siano condotti esclusivamente da ottici professionisti e non da semplici esaminatori per la guida, inoltre si punta a rendere obbligatoria la ripetizione dei controlli visivi a intervalli di tempo prestabiliti (5-10 anni).

    369

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Analisi MedicheBenessereIn EvidenzaVista
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI