Peperoncino e tumore alla prostata

Peperoncino e tumore alla prostata

Il peperoncino non solo sarebbe stato a torto criminalizzato per lo sviluppo del carcinoma prostatico, ma anzi il suo effetto sul cancro sarebbe inibitore

da in Alimentazione, Cancro, Malattie, Medicine non Convenzionali, Prostata, peperoncino
Ultimo aggiornamento:

    Peperoncino

    Peperoncino

    Secondo l’ANMFIT, Associazione Nazionale dei Medici Fitoterapeuti il peperoncino e’ stato ingiustamente condannato come alimento pericoloso e cangerogeno, mentre non lo e’. Risultati attendibili di test pseudo – scientifici tenderebbero a dimostrare il contrario.

    L’alimento era stato inserito nella lista nera durante un Congresso Nazionale di Urologia tenutosi a Roma; il motivo per cui e’ stato inserito tra le piante pericolose e’ la sua probabile implicazione nello sviluppo dei disturbi alla prostata.

    Tutto questo sarebbe rigorosamente falso, come non esistono prove scientifiche che dimostrino i suoi effetti benefici sulla salute, e’ vero anche il contrario: ne’ carne ne’ pesce dunque. Ma alcuni assiomi sono assolutamente veri: il peperoncino non e’ affatto cancerogeno, non e’ pericoloso per la salute umana.


    La letteratura medica
    invece a volte parla delle possibili potenzialita’ della pianta, attribuendole capacita’ di antiossidante, e quindi potenzialmente contrastante lo sviluppo di cellule cancerose, grazie alla presenza del carotenoide sarebbe infine un potente antitumore, dimostrato dalla sperimentazione in vitro. Le ricerche mediche italiane condotte dall’Istituto di Farmacologia dell’Università di Firenze al contrario il peperoncino fa bene contro l’agressione alla prostata del carcinoma.

    244

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCancroMalattieMedicine non ConvenzionaliProstatapeperoncino
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI