Pensiero: ora si può leggere in un monitor

Pensiero: ora si può leggere in un monitor

La lettura del pensiero, grazie ad un esperimento giapponese fatto con la macchina per la Risonanza Magnetica, sarebbe possibile grazie a una comparazione di dati relativi al flusso sanguigno nel cervello, comparati con altri dati in back-up nel computer

da in Cervello, News Salute, Primo Piano, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Il cervello

    Solamente in Giappone poteva essere concepita una iniziativa singolare di questo genere: si tratta di uno dei primi reali esperimenti fatti, al mondo, per riuscire a leggere nel pensiero, o almeno provare a farlo, interpretando sullo schermo quelle che sono le immagini pensate da chi è davanti al monitor.

    Il gruppo di scienziati giapponese ha deciso dunque di verificare se un fatto del genere fosse possibile oppure no: secondo i risultati che i ricercatori hanno ottenuto, tra l’altro, la risposta sarebbe affermativa. Gli studiosi sono riusciti a connettere delle immagini pensate con una proiezione grafica attendibile.

    Gli esperimenti sono stati condotti nei “Laboratori di neuroscienza computazionale ATR di Kyoto”, che hanno letto, secondo quanto riportato nel comunicato del gruppo, i segnali che il flusso sanguigno nel cervello ha descritto, riuscendo a interpretarli alla luce di un confronto con degli altri flussi.

    La tecnica che è stata sperimentata è quella della Risonanza Magnetica, che consente di mappare tutte le variazioni che possono verificarsi nell’andamento del flusso sanguigno.
    Le immagini sarebbero dunque proiettate in un tempo relativamente breve: si tratterebbe di pochi secondi, che vengono registrati mentre il computer compara i dati con altri che sono già stati registrati nel back-up.

    Da questo confronto l’oggetto viene fuori l’oggetto immaginato o pensato, o almeno un oggetto che molto assomiglia. I risultati importanti di questo esperimento saranno pubblicati sulla rivista statunitense “Neuron”.

    Fonte Salute
    Foto da Rai News 24

    301

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloNews SalutePrimo PianoPsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI