NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Parto: nuove indicazioni nelle ore che lo precedono

Parto: nuove indicazioni nelle ore che lo precedono

Secondo un recente studio che è poi il frutto di diversi studi comparati, tali indicazioni sarebbero messe in seria discussione atteso che su 3

da in Gravidanza, News Salute, Parto, Salute Donna, Epidurale
Ultimo aggiornamento:

    Parto

    E’ un po’ la frase classica che i medici solitamente rivolgono alle partorienti, ovvero, quella di non muoversi, riposarsi il più possibile e stare completamente a digiuno nelle ore che precedono il travaglio da parto; bisogna vedere se tali indicazioni sono ancora quelle giuste o se nel frattempo siamo a conoscenza di novità riguardo a questo tema.

    Secondo un recente studio che è poi il frutto di diversi studi comparati, tali indicazioni sarebbero messe in seria discussione atteso che su 3.700 partorienti esaminate a poche ore dal parto e alle quali s’erano date indicazioni come quelle appena menzionate non avevano ottenuto significativi miglioramenti durante le fasi del parto.

    Addirittura, secondo gli studi effettuati, si sarebbe pure stabilito che il cambiamento delle posizioni nelle ore immediatamente precedenti al parto, evitano il ricorso in certi casi al trattamento di analgesia-epidurale poiché darebbero vita ad un parto più veloce e meno stressante per la partoriente e per il nascituro rispetto al tipo di parto seguito ad un riposo prolungato, addirittura distesi su di un fianco ed al digiuno assoluto.

    Lo stesso lavoro scientifico, arricchito nel frattempo con ulteriori lavori a seguire, demolirebbe addirittura la granitica convinzione che vuole per le donne nelle ore che precedono il parto, il digiuno più assoluto mentre si sarebbe dimostrato che un leggero spuntino concesso nella contingenza non arrecherebbe sostanziali differenze circa il tipo di parto, la durata del travaglio e le eventuali complicazioni; sia chiaro tutto ciò non vale in tutti quei casi si preveda di narcotizzare la paziente per l’effettuazione di un intervento chirurgico.

    Fonte: Cochrome

    319

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GravidanzaNews SalutePartoSalute DonnaEpidurale
    PIÙ POPOLARI