Parkinson: un importante aiuto dal Regina Elena di Roma

Parkinson: un importante aiuto dal Regina Elena di Roma

Al Regina Elena di Roma, inizierà un trattamento specifico per i malati di Parkinson che non rispondono più alle terapie farmacologiche: la Stimolazione Cerebrale Profonda

da in Cervello, Malattie, Morbo di Parkinson, Neurologia, News Salute, Terapie Alternative
Ultimo aggiornamento:

    parkinson aiuto regina elena roma

    All’Ospedale Regina Elena di Roma, i malati affetti da Morbo di Parkinson avranno un importante aiuto terapeutico in più. Presso il Dipartimento di Neuroscienze di questo Istituto avrà inizio la Stimolazione Cerebrale Profonda, che è un metodo terapeutico che verrà effettuato su tutti i pazienti che, purtroppo, non rispondono più, a distanza di anni, alle terapie farmacologiche.

    In cosa consiste la Stimolazione Cerebrale Profonda? Si inserisce all’interno del cervello, precisamente, in una piccola area del talamo o dei nuclei della base, un elettrodo che genera stimolazione, collegato ad un pacemaker. Lo stimolo elettrico, che viene indotto, agendo sui meccanismi del movimento aiuta il paziente, innanzitutto, a controllare e migliorare i sintomi della malattia e, cosa molto importante, ridurre l’assunzione di medicinali. Questa è una metodica, ormai eseguita in tutto il mondo, già da tempo; infatti sono circa 80 mila i malati di Parkinson già trattati, con risultati ottimi. Questi ultimi si ottengono se il trattamento viene eseguito da neurochirurghi e neurologi specialisti nel campo.

    In Italia, soprattutto, nel Centro-Sud sono, ancora, pochi i Centri che eseguono questo trattamento. E pensare che il primo intervento in assoluto di Stimolazione Cerebrale Profonda, risale a circa 20 anni fa, in Francia. L’intervento fu eseguito dal professor Benabid a Grénoble, e dopo di lui, negli anni a seguire molti altri neurochirurghi, nel mondo hanno iniziato a trattare i pazienti affetti dal Morbo. Data l’importanza di questa metodica, è necessario che il numero dei Centri che la eseguono, cresca sempre di più, dato che il numero dei pazienti aumenta: infatti rappresentano circa il 10% i malati di Parkinson, che possono essere trattati con questo tipo di metodica.

    342

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloMalattieMorbo di ParkinsonNeurologiaNews SaluteTerapie Alternative
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI