Paranormal Activity: crisi di panico in chi lo vede

Paranormal Activity: crisi di panico in chi lo vede

Fatto sta che Paranormal Activity è finito sotto la lente d’ingrandimento dell’importante Associazione dei Consumatori, Codacons, che vorrebbe vietarne la visione ai minori di 18 anni d’età, il motivo, non certo per effetto di eventuali scene scabrose di sesso destinate ai minori

da in Ansia, Associazioni Consumatori, Attacchi di panico, Bambini, News Salute
Ultimo aggiornamento:
    Paranormal Activity: crisi di panico in chi lo vede

    Forse i produttori, gli attori, il regista e tutti quanti coinvolti nel film Paranormal Activity tutto avrebbero voluto, meno che essere citati non per la grandezza del loro lavoro cinematografico ma per i danni che parrebbe tale film arrechi in chi assiste alla sua visione. Vero è che purchè si parli di un film, in qualsiasi modo lo si faccia, ha poca importanza, non può che far bene al botteghino, ma pensiamo a quei genitori consapevoli dei danni fisici indotti dal film, quanta voglia avranno di consigliarne la visione ai propri figli.

    Fatto sta che Paranormal Activity è finito sotto la lente d’ingrandimento dell’importante Associazione dei Consumatori, Codacons, che vorrebbe vietarne la visione ai minori di 18 anni d’età, il motivo, non certo per effetto di eventuali scene scabrose di sesso destinate ai minori, ben abituati a vedere di peggio in tal senso, quanto invece a seguito delle crisi di panico cui sono stati soggetti alcuni ragazzi in sala, al punto da doverne uscire in tutta fretta.

    Il resto dei sintomi lamentati da alcuni spettatori in erba sono stati effetti psicologici che hanno alterato, sia pure temporaneamente, la tranquillità dello spettatore, ansia, con vere e proprie crisi, attacchi di panico, per soggetti predisposti, addirittura in certi casi persino allucinazioni.

    “I casi accertati di attacchi di panico e gli altri effetti psicologici registrati nei minorenni, legati alla visione della pellicola -afferma il Codacons- dimostrano chiaramente l’esigenza di vietarne la visione ad un pubblico di eta’ inferiore ai 18 anni.

    Ma c’e’ anche un altro scenario che potrebbe aprirsi – spiega il Presidente Codacons, Carlo Rienzi – I minorenni che in questi giorni hanno subito effetti legati alla visione del film, quali attacchi di panico, tremori, vomito, stato di choc, ecc., potrebbero richiedere il risarcimento dei danni in Tribunale”.

    Ci sono diversi precedenti in materia, ad esempio nel 2007 un altro film, Apocalipto, di Mel Gibson subì lo stesso iter al punto che il Tar del Lazio lo rese vietato ai minori di 14 anni d’età; ma stando così le cose, le famiglie potrebbero per loro conto indurre i propri figli a disertare le sale cinematografiche dove si proietta Paranormal Activity, chissà se riusciranno però nel loro intento.

    466

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnsiaAssociazioni ConsumatoriAttacchi di panicoBambiniNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI