Ovaio: nuova tecnica per diventare mamme dopo i 40 anni

Ovaio: nuova tecnica per diventare mamme dopo i 40 anni

Per le donne che vogliono diventare mamme a 40 anni, arriva dall’America una nuova tecnica: congelare una parte dell’ovaio, da giovani, per poi reimpiantarlo in un futuro

da in Ginecologia, Gravidanza, News Salute, Ovulazione, Salute Donna
Ultimo aggiornamento:

    nuova metodica per diventare mamme

    Durante il meeting della American Society for Reproductive Medicine, il dottor Sherman Silber, il chirurgo che ha eseguito il primo trapianto di ovaio nel 2007, ha sottolineato che le donne che vogliono diventare mamme dopo i 40 anni, possono farlo sottoponendosi ad una tecnica quando sono più giovani. Questa metodica consiste nel congelare parte delle ovaie, per poi reimpiantarlo in futuro. Sino ad oggi si potevano congelare i singoli ovuli, procedendo poi con la fecondazione assistita. Ora, invece, si può utilizzare questa nuova procedura, che secondo il dottor Silber, è più sicura ed efficace della classica.

    Secondo le statistiche, continua il dottore, le donne hanno il desiderio di diventare mamme dopo i 35 anni, prima di quest’età non sarebbe un loro pensiero. Ciò si potrebbe collegare all’affermazione della donna nel mondo del lavoro, al successo, e quindi alla necessità di avere un futuro sicuro anche per il proprio figlio. Al mondo, oltre al centro, dove lavora il dottor Silber, esistono altri sette centri abilitati nel trapianto dell’ovaio.

    Il dottore ha eseguito con successo tale procedura già su tre pazienti, le quali hanno già avuto un bambino.

    Essendo una tecnica recentissima, gli studi e le ricerche continueranno per confermare i successi, per migliorarla e renderla sempre più sicura per le pazienti. In questi ultimi anni sono sempre di più le donne che vogliono diventare mamme dai 40 anni in su. Secondo le statistiche, negli ultimi anni, c’è stato un aumento delle gravidanze, nella fascia 40-44 anni, di circa il 70%. Ma le percentuali aumentano anche tra le donne ultracinquantenni. Questi dati, molto alti si riscontrano, soprattutto, nei Paesi dell’Occidente industrializzato.

    329

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GinecologiaGravidanzaNews SaluteOvulazioneSalute Donna
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI