Ossa: recente tecnica per trattare fratture causate da alcune patologie

Da circa dieci anni i pazienti affetti da fratture ossee causate da malattie neoplastiche, possono essere sottoposti ad una recente tecnica di cura, la cifoplastica

da , il

    ossa tecnica fratture

    Una tecnica, relativamente, recente riesce a trattare le fratture ossee causate da alcune patologie. Tra queste ultime, si annoverano l’osteoporosi, le metastasi, e le neoplasie del sangue. Quando si sottolinea che è una metodica relativamente recente, si vuole precisare che è in uso da “solo”dieci anni, rispetto alle altre tecniche. Comunque grazie a questa tecnica è possibile migliorare la qualità della vita, altrimenti compromessa.

    La metodica di cui si parla è la cifoplastica, ossia l’introduzione di un palloncino tra le vertebre, attraverso una sonda, dopo che si è ristabilito lo spessore tra queste ultime, si inietta il cemento, mantenendo così la posizione corretta ottenuta. Questa tecnica è stata studiata da un gruppo di studiosi americani, negli anni dal 2005 al 2008, su pazienti affetti da problemi di compressione delle vertebre; e confrontata con le classiche metodiche terapeutiche utilizzate in questi casi, come la fisioterapia, la somministrazione di farmaci antidolorifici, il riposo, il busto ortopedico.

    Lo studio, pubblicato Lancet oncology, è stato condotto su 134 pazienti affetti da neoplasie; di questi 70 erano stati sottoposti alla nuova tecnica e 64 alle classiche terapie. Dopo circa una settimana le 70 persone sottoposte alla cifoplastica dichiaravano una riduzione del dolore, e dopo un mese la mobilità della schiena era migliorata di molto. Questa tecnica è consigliata solo in determinati casi, dopo essere stati controllati ed esaminati da uno specialista, e con fratture recenti.