Ossa: indebolite da dosi eccessive di vitamina E

Ossa: indebolite da dosi eccessive di vitamina E

Uno studio giapponese ha scoperto quanto dosi eccessive di vitamina E, assunte con integratori e non con la dieta, possano danneggiare e indebolire il tessuto osseo

da in Integratori, News Salute, Ossa, Ricerca Medica, Sistema immunitario, Vitamina E
Ultimo aggiornamento:

    Dosi eccessive di vitamina E possono indebolire e danneggiare le ossa. Nonostante la grande importanza di questa sostanza per la salute del nostro organismo, una quantità elevata, secondo uno studio giapponese, potrebbe contribuire alla degenerazione delle ossa con tutte le conseguenze inevitabili. Quando si parla di dosi eccessive non ci si riferisce, sicuramente, alla quantità che introduciamo con la dieta (dato che la vitamina E è presente in molti alimenti), ma a quelle contenute in certi integratori.

    L’indebolimento delle ossa provocato da elevate dosi di vitamina E, è il risultato di uno studio condotto dai ricercatori giapponesi dell’Università di Keyo, a Tokyo, e guidati dal dottor Shu Takeda. I risultati di questa ricerca, per ora condotta sui roditori, sembrano essere in contraddizione con un altro studio; si sottolinea “sembrano” perché gli studiosi giapponesi non stanno demonizzando la vitamina E (importante antiossidante, rinforzo del sistema immunitario, potenzia il funzionamento dei muscoli) ma stanno sottolineando, mediante questa ricerca la cautela (come per tutte le sostanze) nell’assumere, esageratamente, integratori di vitamina E. Come accennato sopra lo studio, pubblicato su Nature Medicine, è stato condotto su topi da laboratorio, ai quali è stata somministrata una quantità elevata di tocoferolo, uno dei componenti principali della vitamina E.

    Gli studiosi hanno scoperto come una dose eccessiva di questa sostanza causasse riduzione della massa ossea. Come? Stimolando la produzione di osteoclasti, cellule responsabili della disgregazione del tessuto osseo.

    Risultato importante se pensiamo a quello che potrebbe accadere nell’uomo: la distruzione della massa ossea sarebbe più veloce della sua creazione. Insomma si avrebbe una stimolazione eccessiva di osteoclasti, ed una riduzione della produzione di osteoblasti, deputati alla formazione della matrice ossea, mandando in tilt il normale equilibrio. Nella normalità nell’osso avvengono un numero elevato di reazioni cellulari, che portano, ogni anno, al rinnovo, di almeno il 10% della massa ossea. Se ciò non avvenisse le conseguenze per l’organismo sarebbero molto gravi. Ecco l’importanza dello studio giapponese: cautela nell’assumere integratori di vitamina E, ma di qualsiasi altra sostanza, e rivolgersi sempre ad operatori esperti nel settore per un consiglio.

    412

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN IntegratoriNews SaluteOssaRicerca MedicaSistema immunitarioVitamina E
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI