Ormoni, prodotti anche dalle ossa

Ormoni, prodotti anche dalle ossa

Le ossa e lo scheletro non sono solo strutture portanti, silenti e senza altre funzioni, anzi: sono coinvolte attivamente nella produzione di ormoni fondamentali per l’organismo

da in Apparato muscolo-scheletrico, News Salute, Ormoni, Ossa, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Ossa, produttrici di ormoni

    Non è solo la struttura portante di tutto l’organismo, la vera e propria “impalcatura” che consente al corpo umano di avere una stabilità e una mobilità: lo scheletro e le ossa che lo compongono sono anche preziosi, quanto insospettabili, produttori di ormoni. Ormoni e non qualunque, perché lo scheletro veste “i panni”, in tutto e per tutto, di una ghiandola endocrina, producendo ormoni in grado di svolgere azioni sistemiche, con riflessi non trascurabili su tutto l’organismo.

    Proprio così, le ossa nella veste inedita di ghiandole endocrine con una funzione altrettanto inedita, quella di produttori di ormoni. Dopo secoli di errate convinzioni, durante i quali lo scheletro è stato considerato privo di qualsiasi funzione biologica, se non quella di supporto del corpo umano, le ossa ottengono una soddisfacente “rivincita”, essendo riconosciute come produttrici di ormoni dal ruolo cruciale.

    “L’osso comunica con gli altri organi con un meccanismo di feedback e assistiamo a molte correlazioni, una volta impensabili, fra scheletro e altri organi del corpo. Si sapeva che gli osteoblasti, cellule che compongono le ossa, attraverso dei recettori specifici, ricevevano degli input da parte di alcuni ormoni a produrre l’osso stesso.

    Ora sappiamo che avviene anche il contrario e gli osteoblasti si comportano come una ghiandola endocrina, producendo ormoni e inviando messaggi al pancreas, ai testicoli, all’ovaio e alle cellule adipose, oltre che rimandando segnali allo stesso osso per la sua neoformazione” ha osservato Andrea Lenzi, Direttore della sezione di Fisiopatologia medica ed endocrinologia, del dipartimento di medicina sperimentale dell’università degli studi di Roma Sapienza.

    L’osso, inoltre, regola anche la produzione di insulina, “l’osteocalcina, in particolare, prodotta dagli osteoblasti presenti nella matrice ossea, aumenta la sensibilità, la secrezione ed il consumo di insulina e, contemporaneamente, l’insulina stimola l’attività degli osteoblasti” ha aggiunto Roberto Civitelli, della divisione di patologie ossee e minerali della Washington University di St.Louis.

    387

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Apparato muscolo-scheletricoNews SaluteOrmoniOssaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI