Orecchie tappate per il raffreddore: i rimedi

Orecchie tappate per il raffreddore: i rimedi
da in Orecchio, Raffreddore
Ultimo aggiornamento: Martedì 13/09/2016 07:08

    orecchie tappate per il raffreddore rimedi

    Capita di avere le orecchie tappate per il raffreddore. A volte ci sentiamo l’orecchio otturato, ovattato, anche chiuso dopo un raffreddore e possiamo provare dolore. Per questo motivo andiamo subito alla ricerca dei rimedi che possano essere migliori, per eliminare il fastidio. Il problema è dovuto alla presenza di muco all’interno delle vie respiratorie e all’impossibilità del catarro di fuoriuscire. Cosa fare? Ci sono vari rimedi che possiamo mettere in atto. Si tratta di fare ricorso ai farmaci giusti, anche mediante l’aerosolterapia, oppure ai rimedi naturali. Scopriamoli tutti.

    I farmaci

    I farmaci per le orecchie tappate per il raffreddore sono rappresentati soprattutto dagli antibiotici, specialmente quando il problema è associato a faringite e mal di gola. I farmaci antibiotici riescono ad agire contro i batteri che hanno causato l’infezione. Fondamentale è, comunque, associare all’uso di questi medicinali, l’aerosol con mucolitici, che va fatto almeno due volte al giorno. Una volta al giorno si può associare anche un cortisonico antinfiammatorio, soprattutto per alleviare la sensazione dolorosa. L’aerosolterapia è di grande importanza e può essere rivolta anche ai bambini, che spesso sono alle prese con infiammazioni e infezioni al naso e alla gola, soprattutto in inverno e nei cambi di stagione. Il calore del vapore riesce ad essere benefico, anche perché si unisce all’effetto umidificante svolto dalle microparticelle di acqua. In questo modo le mucose non rimangono secche e il muco troppo concentrato si fluidifica e può essere più facile eliminarlo. L’azione favorevole di questo processo può essere potenziata aggiungendo delle soluzioni isotoniche all’acqua di mare, che contengono molti sali minerali.

    I rimedi naturali

    I rimedi naturali per le orecchie tappate per il raffreddore sono tanti. Fra di essi possiamo ricordare la belladonna e la pulsatilla. Si tratta di due sostanze naturali da usare a livello topico sotto forma di gocce. Esse riescono ad esercitare un’azione emolliente e disinfettante. Molto utile anche un impacco caldo con la camomilla, che riesce a rendere meno urgente la sensazione di pressione interna. Inoltre non bisognerebbe trascurare l’echinacea, che ha delle riconosciute proprietà antivirali e immunostimolanti. Da non sottovalutare i suffumigi a base di oli essenziali, soprattutto quello di lavanda e quello di eucalipto. Bisogna far bollire una ciotola di acqua e aggiungere ad essa 3 gocce di sostanze naturali. Poi ci si copre la testa con un asciugamano e si respira il vapore. Importante è anche l’azione svolta dal verbasco. Per utilizzarlo si deve preparare un infuso con un cucchiaino dei suoi fiori e mescolare poi un cucchiaio d’olio d’oliva. Dopo averlo fatto riposare per una notte intera, si potrà applicare una goccia dell’amalgama nell’orecchio, per curare l’infezione.

    579

    LEGGI ANCHE