Ora legale: disturbi possibili e rimedi da adottare

Il ritorno all’ora legale può comportare l’insorgenza di disturbi come stanchezza, irritabilità e inappetenza

da , il

    ora legale disturbi rimedi

    L’ora legale può comportare l’insorgenza di alcuni disturbi fastidiosi, contro i quali è possibile applicare dei rimedi specifici, per eliminare degli inconvenienti molto comuni, fra i quali non possiamo dimenticare una sensazione di stanchezza accentuata e l’inappetenza. Il tutto si verifica perché il nostro organismo deve adattare il suo equilibrio psicofisico allo spostamento delle lancette.

    Da più parti nel caso dell’ora legale si è parlato di trauma biologico. In sostanza il nostro organismo deve abituarsi a seguire un nuovo ritmo sonno – veglia. Di certo ormai da tempo l’uomo non segue più i ritmi naturali del giorno e della notte in maniera sincronizzata e precisa, comunque il nostro cervello con fatica cerca di adattarsi ad una novità come quella rappresentata dallo spostamento delle lancette dell’orologio un’ora in avanti. Da qui affaticamento e irritabilità che si manifestano soprattutto durante i primi giorni di ora legale.

    Con il ritorno dell’ora legale c’è anche chi è predisposto a soffrire di più l’insonnia. La mancanza di appetito è dovuta al fatto che il momento del pranzo viene anticipato di un’ora, ma si può facilmente rimediare. Basta spostare l’ora del pranzo di circa trenta minuti, per ristabilire un sostanziale equilibrio per ciò che concerne il nostro orologio biologico.

    Lo stesso principio andrebbe applicato al sonno. Non dobbiamo fare altro che anticipare progressivamente l’andare a dormire di circa 15 minuti ogni sera per riadattare il ritmo del corpo e della mente. Particolari difficoltà possono incontrare gli anziani che soffrono di disturbi del sonno e coloro che sono affetti dal diabete, i quali dovranno rivedere la loro terapia sulla base dei nuovi orari seguiti per i pasti.