Omega 6, protagonisti della dieta salva cuore e arterie

Gli omega 6 sono ottimi alleati della salute, in particolare, di cuore e arterie, vari toccasana contro l’accumulo di colesterolo cattivo, riducono la mortalità per malattie cardiovascolari

da , il

    Omega 6 per cuore e arterie

    La dieta salva cuore e arterie ha un protagonista tutto da gustare, gliomega 6, contenuti in molti golosi ingredienti della cucina mediterranea, come l’olio, le noci e i cereali. Queste preziose sostanze nutritive garantiscono a cuore e arterie la giusta dose di protezione e prevenzione: secondo gli esperti, gli alimenti ricchi di omega 6 possono ridurre di un quarto gli eventi coronarici e abbattere di ben 3 volte, rispetto alla media, la mortalità cardiovascolare.

    Gli acidi grassi polinsaturi omega 6 assicurano all’organismo e, in particolare al sistema cardiovascolare, al cuore e alle arterie, un benefico ed efficace “effetto scudo”. Ottimi alleati della salute, quindi, che gli italiani, però, sembrano ignorare o, forse, sottovalutare: secondo le stime, gli abitanti del Bel Paese consumano solo la metà dei livelli raccomandati dagli esperti.

    Protezione e prevenzione, ma, da e per cosa, in particolare? Gli omega 6 agiscono positivamente sui livelli di colesterolo, riducendone l’accumulo sulle pareti arteriose, dando un taglio benefico al colesterolo cattivo, Ldl, e favorendo l’aumento di quello buono, Hdl.

    I massimi esperti mondiali, dall’Oms, alla Fao, fino all’American Heart Association, non hanno dubbi sui benefici degli omega 6 e ne raccomandano un consumo frequente. Gli alimenti ricchi di questi acidi grassi, come noci e cereali, dovrebbero coprire, mediamente, il 5-10% delle calorie totali.

    “Una metanalisi di diversi studi pubblicata di recente sull’American Journal of Clinical Nutrition ha mostrato come all’aumento del 5% dei livelli di assunzione di omega 6, passando da un apporto modesto (3-4%) a uno elevato (6-10%), corrisponda una netta riduzione (-26%) del rischio di eventi coronarici” ha osservato Alberico Catapano, direttore della Fondazione Sisa e ordinario di farmacologia all’università degli Studi di Milano.