Occhi: test gratuito per lo stress visivo

Anche gli occhi soffrono lo stress e questo può avere ripercussioni sulla vista: da oggi 18 ottobre è possibile testare il proprio stress visivivo in 210 centri ottici, gratuitamente

da , il

    Test per lo stress visivo

    Gli effetti deleteri di uno stress eccessivo e prolungato non risparmiano anche la vista: le ore passate davanti a uno schermo (del computer, del televisore, ma anche dello smartphone e delle consolle di videogiochi) e, l’esposizione a un’illuminazione artificiale spesso inadeguate sono solo alcuni dei fattori stressanti per gli occhi. E non bisogna sottovalutarli.

    Ma lo sappiamo: della vista non ci si prende cura a sufficienza, soprattutto quando non ci sono problemi così evidenti da spingere dall’oculista. Ottobre, lo ricordiamo, è il mese della vista e per questo da oggi, lunedì 18 ottobre, in 210 centri ottici della catena VisionOttica, distribuiti su tutto il territorio nazionale, sarà possibile sottoporsi gratuitamente al test per lo stress visivo, per rilevare eventuali segnali di inefficienza della visione.

    Il test, patrocinato dalla Società Italiana di Oftalmologia (SOI), consiste in una serie di semplici prove e accurate misurazioni, per verificare la presenza di segni di stress visivo e di quale rilevanza o intensità siano questi segnali. Un modo semplice per prendere coscienza della condizione della propria vista e, se necessario, rivolgersi all’oculista per una visita di controllo approfondita. Del resto quello con il medico oculista dovrebbe essere un appuntamento periodico.

    Il test è per tutti (bambini esclusi): per quanti credono di non avere problemi alla vista e non si sono mai fatti controllare, ma anche per quelli che, invece, avvertono segnali di disagio e affaticamento durante le attività quotidiane. Per conoscere l’ottico più vicino si può chiamare il numero verde 800 536 303 o visitare il portale dedicato all’iniziativa, dove è anche possibile effettuare un pre-test rispondendo ad alcune semplici domande sulle abitudini visive quotidiane.