Occhi: il calo delle temperature li danneggia

Occhi: il calo delle temperature li danneggia

Gli sbalzi di temperatura, e soprattutto i cali, possono provocare un disturbo a carico degli occhi: la sindrome dell’”occhio secco”

da in Dolore, In Evidenza, News Salute, Occhi, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    occhi temperature danneggia

    Gli occhi possono essere danneggiati, con l’arrivo della stagione primaverile, anche dal calo delle temperature. Ossia, con la primavera, per la maggior parte del periodo la temperatura non è sempre stabile, ma un po’ “ballerina”, con cali improvvisi. Questi alti e bassi provocano dei disturbi agli occhi, in particolar modo il cosiddetto “occhio secco”, considerato dagli specialisti una vera e propria sindrome.

    Gli studiosi dell’University of Texas Southwestern Medical Center, hanno scoperto la causa di questa sindrome e come si sviluppa. Il disturbo dell ’’occhio secco”, consiste in una riduzione della produzione lacrimale o del film che ricopre l’occhio, causando, come dice il nome stesso la secchezza di quest’organo. Temperature al di sotto dei 30°possono scatenare questo disturbo.

    Perché? Il freddo può causare un’alterazione funzionale di una ghiandola escretoria, contenuta nell’apparato visivo, che si chiama “Meibomio”. L’alterazione di questa ghiandola modifica la conformazione della sostanza oleosa contenuta nel film lacrimale: diventa troppo spessa per essere diffusa sulla superficie dell’occhio.

    La ricerca, pubblicata su Investigative Ophthalmology & Visual Science, ha sottolineato quali sono i fattori che causano questo disturbo, e sono appunto quelli atmosferici: il vento accelera l’abbassarsi delle temperature sulla superficie dell’occhio e da qui l’alterazione della ghiandola. La mancanza di lubrificazione, da parte del film lacrimale, causa il disturbo, e con il passare del tempo l’insorgere della vera e propria sindrome. I sintomi sono arrossamento, bruciore, dolore, sensazione della presenza di un corpo estraneo, come sabbia, e difficoltà di stare alla luce.

    322

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN DoloreIn EvidenzaNews SaluteOcchiRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI