Obesità: trasmissibile ai figli non solo per via genetica

Anche i padri non ” scherzano “, da padre obeso deriverebbero figli maschi obesi o anche loro con buona probabilità di divenirlo con una percentuale superiore di sei volte rispetto a quanto accadrebbe se il padre fosse normo o longilineo

da , il

    Obeso

    Le colpe dei padri ricadono sui figli, ma a quanto pare anche le colpe delle madri, almeno a dar retta allo studio scientifico che ha trovato posto sulla rivista International Journal of Obesity e che stilerebbe il rapporto esistente fra l’obesità della madre e quella della figlia. Secondo il rapporto, da madre obesa deriverebbe una figlia obesa o con tutte le carte in regola per diventarlo, con una probabilità che ciò accada dieci volte di più che se non avesse la ventura di ritrovarsi la genitrice obesa.

    Anche i padri non “ scherzano “, da padre obeso deriverebbero figli maschi obesi o anche loro con buona probabilità di divenirlo con una percentuale superiore di sei volte rispetto a quanto accadrebbe se il padre fosse normo o longilineo.

    Vero è che la predisposizione genetica fa da padrone nei rapporti genitori-figli, vale la stessa cosa per la predisposizione alle malattie, ma non si può trascurare il fatto che i figli possano assorbire come spugne il comportamento alimentare dei genitori, soprattutto da bambini e dunque un genitore che si abbandona a mangiate pantagrueliche fornirà al figlio tutti gli elementi che lo porteranno quasi ineluttabilmente all’obesità.

    D’altro canto non accade la stessa cosa anche con gli animali domestici…. provate ad osservare il cane e il gatto di un obeso e scoprirete che….