Obesità: rischio alto per i bambini poco “dormiglioni”

Obesità: rischio alto per i bambini poco “dormiglioni”

Se già fin dai primi mesi di vita, i bimbi si dimostrano dei piccoli “nottambuli”, meglio imporre orari per la nanna più severi, perché la mancanza di sonno potrebbe aumentare il rischio obesità

da in Bambini, News Salute, Obesità, Ricerca Medica, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    Obesità, bimbi che dormono poco arischio

    Piccoli “nottambuli”, restii a trascorrere troppe ore tra le braccia di Morfeo sono a rischio obesità: la carenza di sonno e l’abitudine dei bambini, fin dalla prima infanzia a fare le ore piccole potrebbe implicare un aumento delle probabilità di diventare obesi. Dormire poco mette in pericolo la linea, ma in particolare il metabolismo, almeno stando ai risultati di una recente ricerca statunitense.

    Proprio così, andare a letto presto, anche durante i fine settimana, può essere davvero l’abitudine migliore, da insegnare e imporre ai piccoli di casa. Bambini irrequieti, che rimangono svegli fino a tardi? Le probabilità che diventino giovani o adulti obesi salgono notevolmente, quindi, meglio spegnere la luce e metterli a nanna presto, per evitare rischi.

    Secondo quanto emerso nel corso della sperimentazione d’oltreoceano, riportata sulle pagine della rivista scientifica Pediatrics, poco sonno, poche ore trascorse nel lettino significano una produzione limitata di un particolare ormone, un attore fondamentale del processo metabolico, che svolge un ruolo chiave nel metabolismo.

    Il team di esperti dell’Università di Chicago ha coinvolto nello studio 308 bambini, di età compresa tra i 4 e i 10 anni, monitorandone l’indice di massa corporea e le ore di sonno totalizzate nell’arco di una settimana tipo. Esaminando le condizioni di salute dei piccoli partecipanti, sono emerse alcune differenze da non sottovalutare tra i piccoli dormiglioni e quelli più nottambuli: i bimbi che hanno accumulato meno ore di sonno, hanno mostrato livelli superiori di insulina, colesterolo e proteina C-reattiva, fattori che aumentano il pericolo obesità e il rischio cardiovascolare.

    336

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniNews SaluteObesitàRicerca MedicaSonno
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI