Obesità: per scoprire le cause, al via studio europeo

Obesità: per scoprire le cause, al via studio europeo

E' emergenza obesità nei Paesi più sviluppato, che vedono le percentuali di bambini e adulti sovrappeso e obesi in costante aumento: al via un progetto di studio europeo sull'obesità

da in In Evidenza, News Salute, Obesità, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    Nuovo studio europeo sull’obesità

    L’obesità, vera e propria malattia che vanta percentuali di diffusione sempre più preoccupanti nel mondo occidentale, dove tra fast food, cibo spazzatura e dieta senza regole i chili di troppo e i rischi per la salute vanno di pari passo. Una patologia, con potenziali conseguenze serie per tutto l’organismo, che, però, non ha cause precise: ora scende in campo un team di scienziati europei, per condurre uno studio proprio sull’obesità.

    Cause, fattori di rischio e molto altro: il primo programma europeo di ricerca per identificare i responsabili dell’obesità, per prevenirne gli effetti, sarà affidato alla professionalità degli esperti del Centre de Recherches International pour la Santé (Cris). Ripetuti gli allarmi, lanciati dall’Oms, sull’obesità, una vera e propria emergenza, che, secondo le stime, entro il 2015 interesserà, in tutto il mondo, 700 milioni di persone adulte.

    Punto di partenza dello studio Eurodat-life, che durerà per circa tre anni? Il dubbio che gli scienziati europei vogliono chiarire è semplice: dagli ultimi rapporti scientifici e medici, è emerso che non basta, sempre, una corretta alimentazione e uno stile di vita sano per prevenire il sovrappeso e, in alcuni casi, l’obesità. E’ proprio da qui che è nata l’esigenza di un progetto sovranazionale, che coinvolge tutti gli stati europei, per “smascherare” i meccanismi all’origine di questa condizione così pericolosa per la salute di tutto l’organismo.

    Si potrebbe definire Eurodat-Life come uno studio osservazionale prospettico, che comprende una banca dati immensa sugli oversize, che racchiuderà i dati di più di 7 mila soggetti, adulti e bambini volontari, che verranno suddivisi in tre sottocategorie: normopeso, sovrappeso e obesi.

    349

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN In EvidenzaNews SaluteObesitàRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI