Obesità: nuova sostanza “spegni-appetito”

Obesità: nuova sostanza “spegni-appetito”

Una sostanza in grado di spegnere l'appetito in eccesso, come un interruttore potrebbe davvero esistere ed essere prodotta dal corpo stesso, almeno stando a uno studio inglese

da in Alimentazione, Cervello, Dieta, News Salute, Obesità
Ultimo aggiornamento:

    Nuova sostanza contro l’obesità

    Addio chili di troppo e rischio obesità? Forse per il congedo definitivo da ogni pericolo è troppo presto, ma la nuova scoperta potrebbe rappresentare un passo importante e, soprattutto, nella giusta direzione. Gli scienziati della Manchester University hanno individuato una sostanza alleata della linea, l’emopressina, che viene prodotta naturalmente dal corpo umano e potrebbe essere in grado di ridurre l’appetito.

    Una scoperta davvero importante, soprattutto perchè potrebbe portare alla formulazione di nuovi farmaci contro l’obesità, efficaci per “spegnere” l’appetito, sfruttando le proprietà di questa sostanza naturale al 100%. Lo studio inglese, pubblicato sulle pagine della rivista Neuroscience fa ben sperare: i ricercatori sono partiti da una tesi iniziale piuttosto semplice, cioè che le persone siano spinte a mangiare, a ingerire cibo, non sempre per vero appetito, fame, ma molto spesso solo per il piacere di farlo e hanno scoperto l’azione di questa sostanza. L’emopressina interessa i centri di ricompensa presenti all’interno del cervello, che si attivano quando si mangia qualcosa con gusto e soddisfazione.

    Lo stesso principio di piacere e ricompensa vale per altri vizi ancora meno salutari del cibo, come quello dell’alcol o del fumo: anche quando si accende una “bionda” o si alza troppo il gomito, concedendosi qualche bicchiere di alcol di troppo, questo meccanismo si innesta, scatenando la rezione positiva e, di conseguenza, stimolando la voglia di rifarlo.

    Lo studio, ancora in fase sperimentale, ha evidenziato risultati positivi sui topolini. Infatti, dai test condotti in laboratorio, l’emopressina è risultata in grado di inibire le aree cerebrali coinvolte in questo strano meccanismo di ricompensa, soddisfazione e, di conseguenza, di ridurre la fame, vera o presunta.

    Immagine tratta da: romalocale.it

    352

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneCervelloDietaNews SaluteObesità
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI