Neonati: tanto stress e sofferenza nei reparti di neonatologia

Neonati: tanto stress e sofferenza nei reparti di neonatologia

Siamo sicuramente riconoscenti al personale tutto di un reparto di neonatologia che si prodiga ogni giorno per dare la vita ai tanti prematuri in incubatrice; ma oggi uno studio rileva che anche i piccoli soffrono e si stressano

da in Bambini, Neonati
Ultimo aggiornamento:

    Reparto neonatologia

    Cosa c’è di più commovente di un fagottino di cucciolo di uomo nato prematuro e spesso urlante che si dibatte opponendosi con forza alle cure di medici ed infermieri accorsi al suo capezzale, incubatrice, per alimentarlo, curarlo, coccolarlo; insomma, in una parola; aiutarlo a vivere. Eppure tanto encomiabile impegno e ardore nelle cure da parte del personale di un reparto di neonatologia è stato messo oggi, in parte e benevolmente in discussione da uno studio americano.

    Parrebbe infatti che i piccolissimi pazienti, alimentati con sondini, visitati e sottoposti ad iniezioni, applicazioni di elettrodi a vario titolo con una media, quando va bene, di sedici interventi al giorno soffrano e si stressino. A condurre l’inchiesta una delegazioni di medici ricercatori dell’ospedale di Parigi che ha pubblicato le conclusioni del lavoro scientifico sul Journal of the American Medical Association ( Jama ).

    “Siamo in grado di salvare sempre piu’ bambini, anche quelli che nascono dopo sole 25 o 26 settimane di gravidanza”, spiega Boris Zernikow, che all’Universita’ Witten/Herdecke e’ titolare della prima cattedra al mondo di terapia del dolore infantile.

    Ma subito dopo aggiunge: “Dobbiamo chiederci che qualita’ di vita hanno questi prematuri e come possiamo migliorarla, durante e dopo il trattamento intensivo”.

    Per rimediare a tutto ciò, specifica lo studio scientifico, occorrerebbero oppiacei, zucchero e contatto fisico con la mamma.

    246

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniNeonati
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI