Natale a tavola: frutta secca o fresca?

Le differenze fra frutta secca e fresca

da , il

    Frutta secca

    Ce lo siamo chiesti tante volte: cosa cambia fra il consumare frutta fresca e invece la stessa frutta essiccata e conservata in maniera differente? Ecco la risposta del dietologo, che ci sarà utile anche nelle scelte che faremo durante le nostre cene natalizie.

    Le proprietà della frutta fresca si riconducono al loro elevato contenuto di vitamine e sali minerali e di acqua benefica e depurativa.

    Essa è meno ricca di calorie rispetto alla frutta fresca, e ha proprietà preventive importanti nei confronti di malattie della vista e di alcuni tipi di tumori. Contiene inoltre acido folico, utile per gli anemici, e luteina (negli ortaggi a foglia verde) che è un buon antinvecchiamento.

    Diverso il discorso per la frutta secca, che è più calorica. Ma sconsigliarla a chi è a dieta è precipitoso: secondo alcuni studi, anzi, essa è capace di indurre un senso di sazietà.

    Non deve scoraggiare neanche il sapore dolce: essa è infatti utile anche a contrastare il diabete. E’ inoltre ricca di grassi “buoni”, polinsaturi, essenziali per il funzionamento del cervello.