Musica: trasmette emozioni universali

Musica: trasmette emozioni universali

Facendo ascoltare musica occidentale ai Mafa del Camerun, Thomas Fritz ha dimostrato che il ritmo musicale è in modo universale connesso al provare precise emozioni

da in Linguaggio, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    emozioni

    La musica è in grado di trasmettere emozioni che non sono legate esclusivamente al contesto culturale di una civiltà, ma che si caratterizzano per il fatto di essere universalmente valide. Lo ha provato Thomas Fritz, ricercatore del “Max-Planck Intitute for Human Cognitive and Brain Science” di Lipsia, che si è recato presso i Mafa, popolo che vive nel nord del Camerum e che non è mai venuto in contatto con la civiltà occidentale. La scelta è caduta proprio sui Mafa non solo per questo, ma anche perché la loro musica è del tutto diversa da quella occidentale.

    La musica dei Mafa viene usata in un contesto tipicamente rituale ed è diversa da quella occidentale, che è in grado di suscitare emozioni varie negli ascoltatori, visto che in genere esprime solo un senso di gioia. Thomas Fritz ha portato con sé un computer portatile e delle batterie solari e a chiesto ai Mafa di ascoltare la musica dell’Occidente. In un primo momento i partecipanti dovevano esprimere le emozioni che provavano ascoltando la musica e si è potuto constatare che i Mafa, come gli Occidentali, provano felicità, tristezza o paura legate all’ascolto dei brani.

    Le sensazioni provate sia per i Mafa che per gli Occidentali sono legate prevalentemente al ritmo e alla chiave dei passaggi musicali. Ai ritmi veloci viene associata una sensazione di felicità, a quelli lenti una sensazione di paura e quelli indeterminati un senso di tristezza.

    Un altro elemento di percezione comune è stata la tensione emotiva collegata all’alternarsi di accordi dissonanti e consonanti.

    Gli elementi come il ritmo e l’intonazione che sono in grado di veicolare emozioni sono anche peculiari del linguaggio e funzionano proprio come la musica, permettendo di associare in maniera universale determinati segnali acustici a precisi stati d’animo.

    Immagine tratta da: nikitaitaly.files.wordpress.com

    356

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN LinguaggioPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI