Morbillo e rosolia: entro il 2015 dovranno essere debellate

Morbillo e rosolia: entro il 2015 dovranno essere debellate

Entro il 2015 il morbillo e la rosolia dovranno essere debellate, almeno questo è il fine di un progetto voluto e deciso dall’Oms (Organizzazione mondiale della Sanità) data la pericolosità di queste ultime

da in Bambini, Malattie, Morbillo, News Salute
Ultimo aggiornamento:

    morbillo rosolia debellate

    Le malattie esantematiche, morbillo e rosolia, entro il 2015 dovranno essere eliminate. Questo è stato deciso ed è il fine dell’Oms (Organizzazione mondiale della sanità), a cui hanno aderito 53 Paesi europei e altri Stati del Mondo. Questa decisione è stata presa data la constatata pericolosità di tali patologie molto diffuse, soprattutto, tra i bambini.

    In particolar modo, questo progetto ha il fine di debellare il morbillo endemico e la rosolia congenita dalle donne in età fertile, o meglio di eliminare il rischio di contrarle durante la gravidanza. Infatti, entrambe possono essere talmente pericolose da poter causare, rispettivamente, la morte o malformazioni molto gravi nei nascituri. Il progetto, il Regional Strategic Plan for elimitanating measles and rubella, ossia ”Il Piano Nazionale di Eliminazione del Morbillo Endemico e della Rosolia congenita (Pnemrc)”, come accennato prima, è stato voluto dall’Oms a cui hanno aderito moltissimi Paesi.

    Come sarà possibile ottenere questo traguardo?

    Si punterà tutto sulle vaccinazioni. Infatti, a livello nazionale ci dovrà essere una copertura pari al 95%: si inizierà con la prima dose del vaccino morbillo-parotite-rosolia (MPR) per tutte le donne in età fertile, dopo di che si introdurrà la seconda dose. Tutti i controlli saranno migliorati ed estesi oltre che a queste ultime, in generale a tutti i soggetti di età inferiore ai 40 anni, ma anche ad altri gruppi di persone, compresi quelli che per varie motivazioni generalmente rifiutano le vaccinazioni. È un progetto molto importante dati i numerosi casi segnalati anche in Italia (negli ultimi anni, tra il 2010 e il 2011, sono pari a 1.994), soprattutto, tra i giovani dai 15 ai 44 anni.

    323

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BambiniMalattieMorbilloNews Salute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI