Morbillo, 2 focolai in hotel a Vietri sul Mare. 3 casi e 700 persone a rischio contagio

A Salerno sono stati diagnosticati 3 casi di morbillo, e oltre 700 persone sono a rischio contagio: due focolai sono stati segnalati in due diverse hotel di Vietri sul mare. Sono ancora in atto le ricerche di tutti gli ospiti che hanno soggiornato nelle strutture, per contenere una possibile epidemia.

da , il

    focolaio morbillo

    Sono ben 2 i focolai di morbillo a Salerno, nella ridente località di Vietri sul mare. In due diversi hotel sono stati segnalati 3 casi di morbillo, e i sospetti a rischio contagio sono oltre 700. A questa cifra ammontano infatti gli ospiti che hanno soggiornato presso le due strutture in questo ultimo periodo, e che quindi possono aver contratto la malattia infettiva.

    Morbillo, 3 casi confermati in provincia di Salerno

    Per il momento sono 3 i casi confermati di morbillo, nella provincia salentina. Sono tre donne, di età compresa tra i 25 e i 34 anni, dipendenti delle due strutture alberghiere finite nel centro del mirino. Due addette alla reception e una cameriera di sala, che possono aver diffuso il contagio tra gli oltre 700 ospiti che hanno stazionato pressi i due hotel.

    Tutte e tre le persone coinvolte non erano mai state sottoposte a vaccinazione per il morbillo. Per uno dei tre casi è stato necessario anche il ricovero in ospedale. Secondo alcune fonti del Ministero della Salute, si è già risaliti alla maggior parte degli ospiti, grazie al contatto diretto con le Asl di residenza.

    Purtroppo però in entrambe le strutture ricettive il sistema di registrazione dei soggiornanti non conserva l’indirizzo di residenza, ma solo la città di provenienza. Ciò quindi sta rendendo più complicato il processo di individuazione di tutti coloro che possono essere a rischio contagio.

    Solo pochi mesi fa due bambini sono morti a causa del morbillo, entrambi a causa dell’immunodepressione provocata da altre patologie in corso. Nessuno dei due era stato vaccinato, e la notizia ha contribuito a sollevare nuovamente le polemiche in merito all’obbligo di vaccinazione per accedere alla scuola, oggetto di una proposta di legge.