Misurare la pressione da entrambe le braccia per avere diagnosi più accurate

Uno studio britannico ha sottolineato come la misurazione della pressione arteriosa eseguita su entrambe le braccia aiuti a diagnosticare patologie gravi come quella vascolare periferica

da , il

    misurando pressione braccia diagnosi

    Diagnosi corrette e più accurate, per quanto riguarda la salute del cuore, possono essere fatte misurando la pressione arteriosa da entrambe le braccia. Nella maggior parte dei casi, per non dire sempre, la misurazione della pressione viene eseguita sempre e solo in un unico braccio, e questo viene effettuata sia dai medici sia dai pazienti stessi. La differenza dei valori presi prima da un braccio e poi dall’altro aiuta l’operatore sanitario a individuare gravi patologie come quella vascolare periferica.

    Questo metodo più corretto è il risultato di uno studio condotto da ricercatori britannici della Peninsula College of Medicine and Dentistry dell’Università di Exeter, guidati dal dottor Cristopher E. Clark. Gli studiosi hanno valutato ed esaminato 28 ricerche riguardanti dei volontari ai quali era stata misurata la pressione da entrambe le braccia. Dallo studio, pubblicato su The Lancet, è risultato che la differenza dei valori pressori, anche di 10 millimetri di mercurio, aiutano a valutare il rischio della malattia vascolare periferica (PVD) asintomatica. Diagnosticando tempestivamente questa patologia si possono evitare delle complicazioni ben più gravi.

    In cosa consiste questa malattia vascolare periferica? Si presenta quando si ha l’ostruzione totale o parziale dei vasi sanguigni degli arti superiori e inferiori. Questa ostruzione, a lungo andare può far scaturire anche altre patologie. Grazie alla misurazione della pressione con un normale sfigmomanometro in entrambe le braccia si può agire tempestivamente. Una differenza di pressione pari a 10 millimetri di mercurio, come accennato sopra, sta ad indicare un probabile rischio di PVD, mentre un valore pari a 15 millimetri di mercurio indica il rischio di insorgenza di malattie cerebro-vascolari. La misurazione della pressione arteriosa è considerata dagli studiosi una metodica talmente importante da poter essere inserita anche nei protocolli sanitari.