Minori: allarme per Videotelefonini e Youtube

Minori: allarme per Videotelefonini e Youtube

Tra gli adolescenti va di moda filmare i momenti di sesso con le ragazze della stessa eta' e pubblicare il tutto su youtube, quanto e' reato e quanto e' incoscienza?

da in Adolescenti, Bambini, News Salute, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    Youtube

    I baby carnefici che si fanno notare per molestie alle ragazzine hanno trovato un nuovo modo per vantarsi delle loro prodezze: video filmare con i telefonini le loro azioni e pubblicare il tutto su Youtube.

    Nella maggioranza dei casi non si tratterebbe nemmeno di violenze vere e proprie, perche’ le baby coppie sarebbero ben felici di pubblicare su internet il materiale baby porno, senza pero’ pensare che le conseguenze potrebbero essere anche gravi.

    E cosi’ le baby coppie si auto – stuprano e auto – violano i propri diritti mettendo in mostra momenti di cui poi nella maggior parte dei casi essi stessi si pentiranno.

    La nuova moda pretende che le coppiette si filmino e si facciano notare dagli amici, e a differenza di quanto invece fanno gli adulti, che lo fanno di nascosto, i ragazzini si fanno tanta pubblicita’.

    Difficile capire dove sia il confine della bravata e del reato, ma ne stanno discutendo i sessuologi, che nutrono dei forti dubbi sulla utilita’ di pubblicare i video sessuali per arrivare alla maturazione psichica nell’adolescente.

    Pur essendo notevolmente cambiati i tempi non ci aspetterebbe che i ragazzini desiderino parlare di sesso con le azioni, invece che con le parole, ma evidentemente lo stadio evolutivo della societa’ e’ arrivato a questo punto, e sara’ compito della prossima generazione decidere che cosa salvare e che cosa buttare di quella precedente.

    Le bravate delle baby coppie
    nella maggioranza dei casi sono filmate nei bagni delle scuole o nei luoghi dove e’ proibito fare determinate cose, i ragazzini sono pero’ nel frattempo bombardati di messaggi che li portano a comportarsi cosi’, mentre in contemporanea si cercherebbe di vietare a loro di usare le proprie stesse cose, come appunto i telefonini.

    Se non c’e’ coerenza nel messaggio degli adulti, in quello che va bene e in quello che non va bene, non si puo’ pretendere che sia il ragazzino ad auto censurare un fatto che egli stesso potrebbe a questo punto considerare un diritto, cioe’ quello di filmare le proprie bravate e metterle on line.

    413

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AdolescentiBambiniNews SalutePsicologia
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI