Micosi: sintomi, cause e rimedi [FOTO]

Micosi: sintomi, cause e rimedi [FOTO]

Micosi: come riconoscerle

Per micosi si intende una condizione in cui dei funghi patogeni riescono a superare le resistenze delle barriere del corpo, provocando delle infezioni. Possiamo classificare le micosi in superficiali, cutanee, che interessano l’epidermide, i capelli e le unghie, sottocutanee, sistemiche, che dai polmoni si possono diffondere a molti organi, e sistemiche dovute a patogeni opportunistici, che riguardano soprattutto i pazienti affetti da deficienze immunitarie.

  • Applicazione topica contro i funghi
  • Micosi ai piedi
  • Crema contro i funghi
  • Funghi al tallone
  • Funghi all'alluce

Micosi: sintomi

In natura esistono agenti patogeni che è possibile vedere solamente con un microscopio, mentre le lesioni che determinano sono visibili ad occhio nudo, raramente con una lente d’ingrandimento; stiamo parlando dei funghi, scientificamente la lesione si definisce micotica e causa arrossamento, a volte prurito ed antiestetiche macchie bianche sulla pelle diffuse in braccia e spalle in particolar modo.

I sintomi della micosi alle unghie (detta anche onicomicosi) sono costituiti da unghie più spesse del normale, fragili e frastagliate, con la presenza di deformazioni, opache e di colore scuro. Inoltre le unghie possono staccarsi dal letto ungueale.

Nella micosi orale i sintomi sono costituiti da bruciore e piccole ulcere. Si riscontrano lesioni bianche sulla lingua, sulle gengive e sulle tonsille. Le lesioni provocano un leggero sanguinamento. Si hanno delle screpolature e degli arrossamenti agli angoli della bocca e, oltre alla perdita del gusto, si prova una sensazione ovattata in bocca.

Nell’orecchio il sintomo predominante è il prurito. La micosi inguinale interessa maggiormente gli uomini e si manifesta con un arrossamento dalla piega inguinale fino alla parte interna della coscia. Può estendersi fino a comprendere il pene e il glande.

Non bisogna fare confusione fra micosi in generale e micosi fungoide, che è un tumore maligno della pelle, un linfoma a cellule T.

Micosi: cause

I funghi, o meglio i miceti, sono diffusi nell’ambiente e soprattutto laddove vi sia concentrazione di persone; si evince bene dunque che le possibilità di contrarli, in via teorica, sarebbero elevate, ciononostante ci sono soggetti che si ammalano con facilità e altri che non si ammalano per niente, il motivo risiede nella particolarità della pelle di ogni individuo di rappresentare per alcuni spesso terreno poco fertile affinché questi microrganismi possano attecchire, oltretutto la pelle da individuo e individuo si differenzia anche per il PH che è un elemento importante ai fini dell’infezione micotica.

Ma vi sono fattori predisponenti, compresa l’eventuale ipersudorazione, l’irritazione che la cute presenta al momento del contatto con i miceti, che aprono la strada alle micosi, per non parlare del fatto che, generalmente, è proprio l’estate la stagione dell’anno a più rischio funghi, si suda di più, ci si scotta col sole, si frequentano maggiormente luoghi condivisi presso gli stabilimenti balneari o piscine e, proprio in questa stagione, si registrano i maggiori casi di micosi al piede, che è una parte del corpo nuda che più di altre viene in contatto diretto con luoghi condivisi.

In certi casi si giunge al cosiddetto “piede d’atleta” che è una micosi causata da un fungo microscopico dermatofitico detto Trichophyton o anche altri tipi di funghi del genere Epidermophyton che si localizzano inizialmente tra le dita della pianta del piede.

Micosi: prevenzione

Per la prevenzione delle micosi esistono alcune regole da seguire, che interessano soprattutto lo stile di vita, ricordandosi che le micosi sono contagiose. Proprio per questo è opportuno, per prevenire il contagio, non scambiarsi indumenti o altri oggetti.

Inoltre è meglio evitare di camminare scalzi nei luoghi in comune. Non dobbiamo dimenticare che l’umidità favorisce l’infezione. Ecco perché non bisognerebbe indossare costumi bagnati, evitare il contatto prolungato di mani e piedi con acqua e detersivi e nei lavori domestici, quando ci si immerge ripetutamente le mani nell’acqua, è meglio indossare dei guanti protettivi.

La biancheria deve essere lavata a caldo, mentre gli strumenti taglienti, come le lamette, i rasoi e le forbici usati su aree infette devono essere gettati o bolliti.

Per quanto riguarda in maniera specifica i funghi della pelle, bisognerebbe asciugare con cura le pieghe della cute, soprattutto le ascelle, l’inguine e le dita dei piedi. Ricordiamoci che il piede non deve sudare, quindi è meglio non tenerlo per tutta la giornata chiuso nelle scarpe.

Alle calze fatte di fibre sintetiche sono da preferire quelle di cotone, in modo che il sudore possa essere assorbito.

Micosi: rimedi

Curare una micosi non è difficile, purché la si diagnostichi in tempo evitando che l’infezione si espanda il più possibile, così come non sempre l’aggressione da parte dei miceti è riconoscibile per via delle macchie, spesso è solo il medico a poterla diagnosticare e, chiaramente, curare.

La terapia è per lo più per uso topico utilizzando creme, lozioni o ungenti, shampoo. Gel o polvere a base di derivati imidazolici: clotrimazolo, miconazolo, econazolo, tioconazolo, ketoconazolo, bifonazolo, fenticonazolo Metilrosanilinio cloruro Fucsina fenica: acido borico + fenolo + fucsina + resorcinolo, facilmente reperibili in farmacia che agiscono aggredendo la parete cellulare del fungo in accrescimento e, dunque, uccidendolo.

I principi attivi sono diversi e alcuni anche di recente acquisizione. Quando si è certi che si tratta di micosi si può anche ricorrere all’automedicazione poiché l’uso dei prodotti per uso topico è per lo più ben tollerato e raramente gravato da effetti collaterali, con l’avvertenza di proseguire la cura per almeno una settimana dalla sparizione dei sintomi e di curare elementari norme igieniche che aggravino la malattia ed evitando di infestare anche chi ci sta vicini.

Ben altra cosa invece quando è necessario ricorrere a sostanze farmaceutiche da assumersi per via orale, o per iniezioni intramuscolari. In questo caso a prescriverli e seguire il paziente con attenzione sarà solo e soltanto il medico, visto il fatto che tali farmaci per questa via presentano effetti avversi che devono essere conosciuti e solo il medico è in grado di discernere con certezza i casi in cui vanno usate determinate sostanze o evitate a favore di altre.

Non fatevi fuorviare dal fatto che il principio attivo è condiviso fra farmaci per uso topico e farmaci assunti per via sistemica, il meccanismo d’azione è ben diverso e anche l’assorbimento; ne consegue che non siete autorizzati ad assumerli, senza prescrizione medica, neanche nel caso siate certi della patologia e vi ritrovate una confezione di tali prodotti farmaceutici per casa magari perché serviti in passato per un vostro familiare; il rischio che andreste a correre è troppo alto, privi dell’indicazione del vostro medico curante.

1159

Leggi anche:Micosi del cuoio capelluto: sintomi, cure e rimedi naturaliOnicomicosi: tutti i rimedi [FOTO]Puzza di piedi: tutti i rimedi da adottareIl lievito di birra protegge dalle infezioni da funghi

Segui Tanta Salute

Lun 10/12/2012 da in ,

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Gioia 11 gennaio 2012 17:08

ciao! per un problema di piede d’atleta (estate scorsa, piscinaaaaa!!!!!) ho usato dei calzini dermasilk e dei ritagli di questo tessuto, che mi mettevo tra le dita, a serpentina, proprio perchè la micosi si era sviluppata anche lì…. e in poco tempo la micosi si è ridotta e non ho più avuto problemi. io non sono in grado di spiegare esattamente come funzioni questo tessuto, ma in ogni caso è stata un’ottima dritta di un’ottima amica!

Rispondi Segnala abuso
Seguici