Mente: quanto è credibile l’istinto materno

Mente: quanto è credibile l’istinto materno

I medici dovrebbero ascoltare più frequentemente le sensazioni dei genitori riguardo allo stato di salute dei figli, in quanto frutto di un’attenta osservazione

da in Benessere, Cure, Infezioni, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    istinto materno

    Riguardo ai figli le madri avrebbero un istinto che non si sbaglia mai. È in qualche modo questo una convinzione comune. Ma quanto c’è di vero in questo concetto? Quanto sono bravi i genitori a capire che magari dietro una malattia da niente possa nascondersi qualcosa di più grave? A detta dei ricercatori dell’Oxford University sarebbero molto abili.

    Gli studiosi sono infatti riusciti a dimostrare che l’istinto materno sarebbe particolarmente abile nel riuscire a capire che nello stato dei salute dei figli c’è qualcosa che non va. Questa bravura deriva dal fatto che i genitori in generale e le madri in particolare trascorrono molto tempo a prendersi cura dei loro figli e per questo hanno modo di sviluppare un particolare istinto in grado di metterli subito in allarme quando si accorgono anche di piccolissimi segni, che finiscono con il rivelarsi fondamentali.

    Sarebbe dunque sbagliato l’atteggiamento dei medici che non tenderebbero a prestare fede a queste sensazioni che i genitori spesso nel corso del colloquio medico cercano di esplicitare. In modo particolare il discorso sarebbe valido nel caso delle infezioni, alcune delle quali sono rare e difficili da identificare.

    Non si tratta di non fare affidamento sulle competenze degli specialisti.

    Si tratta soltanto di attivare un processo di collaborazione che possa costituire una risorsa importante in vista dell’individuazione di certe patologie che possono passare sotto banco e avere conseguenze anche molto gravi. D’altronde chi meglio dei genitori è in grado di osservare con occhio critico anche i più piccoli dettagli che riguardano il benessere dei figli?

    Immagine tratta da: webalice.it

    336

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCureInfezioniPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI