Mente: l’effetto nocebo

Mente: l’effetto nocebo

Anche l'effetto nocebo al pari dell'effetto placebo risulterebbe efficace secondo le prove fornite da alcuni esperimenti in laboratorio

da in Benessere, Farmaci, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    farmaci

    I percorsi seguiti dalla nostra mente si caratterizzano per il fatto di essere spesso sorprendenti. In molti conoscono i risultati positivi a cui può condurre il cosiddetto effetto placebo. Le possibilità terapeutiche della persuasione che un ritrovato farmaceutico influisca sulla nostra guarigione ne aumentano il potere. Molti studi lo hanno dimostrato.

    E questo vale anche quando un prodotto non è un vero farmaco, ma è composto di sostanza che non hanno un valore terapeutico. Tante volte in sostanza la sola convinzione può portare a dei risultati molto positivi. Ma vale anche il discorso contrario? L’effetto nocebo a quanto pare ha le stesse opportunità di mettersi in atto, almeno secondo quanto è stato dimostrato da alcuni esperimenti condotti in laboratorio.

    In un esperimento ad alcuni volontari veniva fatto inalare uno spray, che era stato presentato come una sostanza allergica, di cui erano stati descritti i sintomi che poteva provocare, ossia sonnolenza, mal di testa, mal di gola.

    Tutti sintomi che, veniva spiegato, non erano gravi e sarebbero passati nel giro di un’ora.

    Lo spray in realtà conteneva solo dell’aria, ma si è potuto constatare che i soggetti hanno cominciato lo stesso ad avvertire i sintomi che erano stati descritti. Un esperimento che ha avuto il merito di dimostrare come la persuasione può avere sulla nostra mente degli effetti che a volte possono essere misurati anche in termini di cambiamenti fisiologici.

    Lo studio dell’effetto nocebo ha particolari implicazioni anche in molti campi fini ad ora non considerati ed apre nuove prospettive nell’analisi di possibilità terapeutiche che potrebbero rivelarsi determinanti per molte patologie.

    Immagine tratta da: videoscienza.it

    326

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereFarmaciMentePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI