Mente: il look influenza la percezione della bravura

Mente: il look influenza la percezione della bravura

Una ricerca dell'University of Sheffield ha messo in evidenza che il look e l'abbigliamento possono influenzare la nostra mente e portarci a dare dei giudizi più positivi riguardo alla bravura nei confronti di chi veste in modo elegante

da in Benessere, Cervello, Comportamento, Mente, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    mente percezioni

    La nostra mente è influenzata da elementi esterni nelle sue percezioni. I processi mentali infatti non operano in maniera incondizionata, ma ci sono diversi fattori che intervengono a determinare condizionamenti che mettono a dura prova i nostri giudizi e la nostra obiettività. Uno studio dell’University of Sheffield ha approfondito la questione.

    In particolare la ricerca ha preso in considerazione la percezione che il pubblico ha della bravura delle musiciste e ha permesso di scoprire che il look e l’abbigliamento di coloro che suonano sono in grado di influenzare l’idea che gli spettatori si fanno sulle capacità tecniche e di esecuzione musicale. Per realizzare lo studio, i cui risultati sono stati pubblicati su “Psychology of Music”, sono state coinvolte diverse musiciste che hanno suonato gli stessi brani con un look differente.

    Analizzando i giudizi rilasciati da esperti del settore, i ricercatori hanno riscontrato che le performance migliori erano state considerate quelle messe in atto in abito da sera. Evidentemente il look elegante faceva sembrare le musiciste più professionali, più preparate e più brave.

    Un vero e proprio condizionamento mentale, che spiega perché il nostro cervello non opera in modo neutro.

    Una conquista in più dunque per la psicologia, che può contare su prove specifiche per dimostrare quali sono i percorsi seguiti dalle nostre percezioni mentali. D’altronde che siamo suscettibili ai condizionamenti è un dato di fatto che tutti noi possiamo sperimentare quotidianamente anche nelle valutazioni più facili. La conferma che la soggettività è una dimensione ineludibile della psiche umana.

    308

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereCervelloComportamentoMentePsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI