Mente: i falsi ricordi di abusi

Mente: i falsi ricordi di abusi

Attraverso uno specifico studio si è dimostrato che i ricordi di abusi sessuali infantili emersi nel corso di una psicoterapia potrebbero essere falsi

da in Memoria, Mente, Psicologia, Psicoterapia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    memoria

    La nostra mente non è sempre attendibile, specialmente quando si tratta di ricordi o meglio di falsi ricordi che a volte possono essere concepiti, ma che si rivelano un prodotto al quale non si può prestare completamente fede. Rientrano in questa categoria di falsi ricordi quelli che hanno a che fare con presunti abusi sessuali subiti nel corso dell’infanzia. Sono spesso ricordi che emergono durante un percorso di psicoterapia.

    Per chiarire l’attendibilità di questi ricordi un gruppo di psicologi olandesi, canadesi, americani e britannici ha intrapreso uno studio che ha cercato di constatare quanti di questi ricordi di abusi possono trovare fondamento in specifiche testimonianze. Si sono ricercati insomma dei veri e propri testimoni fra le persone al corrente dei fatti, per vedere se si tratta di ricordi falsi o del tutto rapportabili alla realtà.

    Gli studiosi hanno preso in considerazione 71 persone che affermavano di essere state vittime di abusi sessuali e che erano del tutto convinte di non aver mai dimenticato la memoria di questi eventi che li avevano così profondamente coinvolte. Il 45% di questi casi è stato confermato.

    Gli psicologi hanno poi analizzato altri 57 casi di individui che però dichiaravano di aver dimenticato gli abusi. In queste circostanze il 37% dei casi è stato confermato come reale. Il ricordo rimosso era ritornato alla luce durante una psicoterapia.

    Questa differenza nei casi di coloro che sembravano aver dimenticato e coloro che invece ricordavano gli abusi non trova spiegazione in elementi ben precisi.

    La differenza di percentuale non può infatti essere dovuta all’età in cui è avvenuto l’abuso né alla gravità dell’abuso stesso. Nemmeno la facilità nel riuscire a parlarne sembra incidere sulla differenza riscontrata. I ricordi di abusi sessuali che emergono nel corso di una terapia devono essere quindi giudicati con estrema prudenza, perché potrebbero essere solo il frutto delle tecniche usate da terapeuta o delle attese del paziente.

    Immagine tratta da: irisviaggi.it

    377

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MemoriaMentePsicologiaPsicoterapiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI