Mente: gli effetti delle eccesive e-mail

Mente: gli effetti delle eccesive e-mail

Nada Kakabadse, docente di Economia alla Northampton University, sostiene che il controllo compulsivo delle e-mail ha degli effetti sulla nostra salute

da in Ansia, Benessere, Primo Piano, Psicologia, Salute mentale, Sonno
Ultimo aggiornamento:

    salute mentale

    I moderni strumenti di comunicazione hanno inevitabilmente degli effetti sulla nostra mente. La posta elettronica in particolare rappresenta un’importante risorsa per quanti si avvalgono di strumenti come il computer, gli smartphone e il blackberry. La possibilità di restare sempre e ovunque connessi ad internet fa in modo che gli internauti passino molto tempo a controllare la loro casella di posta e ciò può determinare dei danni alla salute.

    In particolare controllare continuamente le proprie e-mail può portare ad una certa irritabilità e ad un vero e proprio calo della produttività, oltre che a disturbi d’ansia e del sonno. E’ ciò che sostiene Nada Kakabadse, nota docente di Economia alla Northampton University. Ma l’analisi della studiosa non si è limitata a questo.

    Nada Kakabadse ha infatti insistito sul fatto che la dipendenza da internet e dalla tecnologia può comportare anche degli effetti sui rapporti tra genitori e figli. Questi ultimi resterebbero privi delle adeguate attenzioni dei genitori impegnati a controllare la posta elettronica o navigare sul web.

    Per rimediare a tutto questo esistono delle specifiche soluzioni che possono essere messe in atto.

    Innanzi tutto si dovrebbe cercare di limitare l’uso delle tecnologie specialmente quando non è necessario usarle nei momenti non lavorativi. Il tutto è volto al recupero di un po’ più di tempo libero da dedicare alla famiglia o allo svolgimento di attività sportive. Infine si dovrebbe cercare di non perdere il controllo di fronte all’arrivo di una nuova e-mail, non lasciandosi trascinare in maniera compulsiva dalla voglia di controllare subito di che cosa si tratta.

    Immagine tratta da: pd-svizzera.ch

    322

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AnsiaBenesserePrimo PianoPsicologiaSalute mentaleSonno
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI