Mente: esercitarla con Facebook

Mente: esercitarla con Facebook

A detta di Tracy Alloway, psicologa alla Stirling University, trascorrere alcune ore su Facebook aiuterebbe a sviluppare soprattutto la memoria di lavoro

da in Memoria, Mente, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica, Socializzazione
Ultimo aggiornamento:

    mente

    Mantenere in esercizio la nostra mente è una buona abitudine raccomandata soprattutto per preservarla dall’invecchiamento e per fare in modo che resti sempre funzionale e dinamica. Esistono diverse strategie per mantenere la mente in allenamento, perfino degli specifici esercizi, che sembrano apportare ad essa particolare giovamento.

    A queste strategie bisognerebbe aggiungere alcune ore passate davanti al computer su Facebook. Secondo Tracy Alloway, psicologa alla Stirling University, il popolare social network si rivelerebbe particolarmente utile per migliorare le abilità mnemoniche a breve termine. In ogni caso molte capacità mentali potrebbero beneficiare dal tempo trascorso su Facebook.

    Soprattutto la memoria di lavoro sarebbe mantenuta in costante allenamento dall’utilizzo del famoso social network e quindi la nostra mente diventerebbe sempre più abile nel riuscire ad elaborare diverse informazioni contemporaneamente mentre è impegnata ad eseguire vari generi di compiti.

    Ma non è solo Facebook ad avere un’influenza sulle capacità mentali, infatti anche Twitter per esempio sarebbe in grado di mantenere integra o di peggiorare le abilità mentali connesse alla memoria di lavoro.

    Il servizio di microblogging infatti si basa sull’impiego di frasi brevi e pertanto richiede la messa in atto di un impegno di memoria più ridotto.

    Quella che per molti sembra diventata una vera e propria mania dunque non è affatto da condannare come semplice ostacolo all’instaurazione di rapporti sociali dal vivo, ma è da considerare come un’abitudine in grado di favorire anche degli apprezzabili effetti positivi sulla nostra salute.

    Immagine tratta da: bebo.com

    307

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN MemoriaMentePrimo PianoPsicologiaRicerca MedicaSocializzazione
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI