Mente: da cosa dipende il colpo di fulmine?

Mente: da cosa dipende il colpo di fulmine?

I ricercatori dell’Università di Aberdeen hanno messo in evidenza che il colpo di fulmine dipende dai lineamenti più marcatamente femminili o maschili dei soggetti che vengono osservati

da in Benessere, Mente, Primo Piano, Psicologia
Ultimo aggiornamento:

    colpo di fulmine

    Il colpo di fulmine dipenderebbe dai lineamenti del viso. Bisogna infatti considerare che non si tratta di una reazione che uguale per tutti gli individui, ma si caratterizza per il fatto di essere più o meno coinvolgente a seconda del soggetto che viene preso in considerazione. I ricercatori dell’Università di Aberdeen sono riusciti a trovare una spiegazione.

    La velocità con la quale uomini e donne sono in grado di catturare uno sguardo e far scattare quello che comunemente chiamiamo colpo di fulmine dipende essenzialmente dalle caratteristiche dei lineamenti del volto che vengono osservati. Gli studiosi si sono accorti di tutto ciò, prendendo in considerazione alcuni volontari che sono stati sottoposti ad un particolare esperimento. I soggetti dovevano guardare volti maschili e femminili che venivano mostrati sullo schermo di un computer e dovevano indicare quale sguardo fosse rivolto verso di loro.

    In questo modo hanno avuto l’occasione di appurare che gli sguardi captati erano quelli che corrispondevano a lineamenti più marcatamente femminili per le donne e più visibilmente maschili per gli uomini.

    All’origine di tutto ciò ci sarebbero delle ragioni prettamente evolutive, come hanno spiegato i ricercatori. A livello evolutivo infatti tendiamo a preferire l’attenzione di potenziali partner che, per le loro caratteristiche estetiche, si potrebbero rivelare buoni compagni.

    La mente umana è veramente ricca di particolarità sorprendenti e ci induce a mettere in atto comportamenti del tutto originali e degni di interesse da parte della ricerca scientifica, che in questo ambito fa sempre più progressi.

    Immagine tratta da: pourfemme.it

    325

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN BenessereMentePrimo PianoPsicologia
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI