Menopausa precoce: cause, sintomi, cure e rimedi

La menopausa precoce è una condizione caratterizzata dalla fine delle mestruazioni e della fertilità, che può colpire alcune donne al di sotto dei 40 anni di età. Quali sono i sintomi, le cause, le cure e i rimedi che la riguardano? Cosa fare in caso di menopausa precoce? Scopriamo di più in merito.

da , il

    Menopausa ragazza triste

    Quali sono i sintomi, le cause, le cure e i rimedi della menopausa precoce? Con il termine “menopausa precoce”, ci si riferisce alla cessazione in anticipo del ciclo mestruale e del periodo fertile di una donna: generalmente, infatti, questo avviene intorno ai 50 anni di età ma, a causa di alcune disfunzioni o malattie, può avvenire anche prima, al di sotto dei 40 anni. Qual è la sintomatologia esatta? Cosa fare in caso di menopausa precoce? Esiste una terapia? Scopriamo di più in merito.

    Cos’è

    La menopausa è un evento naturale che riguarda ogni donna e che indica il termine del periodo fertile: è caratterizzato, infatti, dalla fine del flusso mestruale, ovvero dall’esaurimento del patrimonio follicolare. Ogni donna produce un certo numero di ovuli nella vita e questi sono prestabiliti già alla nascita.

    Il periodo della menopausa è caratterizzato dalla mancanza di mestruazioni per almeno 1 anno consecutivo e da altri cambiamenti fisiologici.

    In linea generale, la cessazione del ciclo mestruale e della fine del periodo fertile avviene intorno ai 50 anni di età per cui, quando ciò avviene in anticipo – a causa di fattori genetici, malattie, disfunzioni o simili – si parla proprio di menopausa precoce o prematura: è possibile, quindi, che, in alcune circostanze, si vada in menopausa prima dei 40 anni.

    La menopausa precoce riguarda, dunque, la perdita dell’attività ovarica e la scomparsa del ciclo mestruale prima dei 40 anni. Tale fenomeno interessa circa l’1-3% delle donne italiane in età riproduttiva.

    I sintomi

    I primi sintomi e le conseguenze della menopausa precoce possono essere numerosi. La sintomatologia di tale fenomeno può includere:

    La menopausa precoce può essere un momento difficile da affrontare, soprattutto per la prospettiva di non poter avere più figli: la principale conseguenza della menopausa precoce è rappresentata dall’infertilità, per via della riduzione e del deterioramento dei follicoli.

    Molte donne, che devono fare i conti con la comparsa della menopausa precoce, devono affrontare diversi problemi emotivi e fisici.

    Le cause

    Le cause della menopausa precoce possono essere diverse. Alla base della comparsa della menopausa precoce, vi è un arresto dello sviluppo follicolare, il quale è generato da molteplici fattori. Nella maggior parte dei casi, la menopausa precoce è considerata idiopatica – ovvero, non si riesce ad identificare la causa esatta che l’ha provocata – ma le possibili motivazioni includono:

    • Anomalie ereditarie e genetiche, come la Sindrome di Turner;
    • Galattosemia;
    • Iperplasia surrenalica congenita;
    • Mucopolisaccaridosi;
    • Anomalie nel sistema immunitario, che produce erroneamente degli anticorpi anti-ovaio;
    • Malattie autoimmuni, come l’ipotiroidismo, il Morbo di Addison, il Morbo di Crohn e l’artrite reumatoide;
    • Infezioni virali e batteriche, come parotite, tubercolosi o citomegalovirus;
    • Terapie farmacologiche, come la chemioterapia o la radioterapia;
    • Interventi chirurgici, come l’ovariectomia bilaterale che prevede l’asportazione delle ovaie e l’isteroctemia che prevede l’asportazione dell’utero;
    • Stile di vita errato, ad esempio fumo e abuso di alcol;

    Alcune terapie farmacologiche o interventi chirurgici sono resi necessari da problemi di salute: ad esempio, dalla presenza di tumori, cisti ovariche, endometriosi o altre condizioni patologiche.

    Anche uno stile di vita errato può anticipare l’età della menopausa, ma è da considerare anche una predisposizione familiare: la menopausa precoce può, infatti, essere ereditaria o causata da una malattia autoimmune.

    La diagnosi

    Cosa fare in caso di menopausa precoce? Alla comparsa della sintomatologia e dei segni, è necessario contattare il medico che – tramite una serie di esami e analisi – stabilirà diagnosi e la terapia più adatta per la menopausa precoce, nel caso in cui ce ne fosse bisogno.

    Oltre alla visita medica e allo studio dei sintomi, potrebbe essere necessario eseguire ulteriori test di approfondimento, così da escludere o confermare la presenza di altre malattie: ad esempio, analisi del sangue specifiche o l’ecografia pelvica o transvaginale.

    Le cure

    Quali sono le cure per la menopausa precoce? Allo stato attuale, non sono disponibili dei trattamenti in grado di ripristinare l’attività ovarica in modo regolare. L’obiettivo di una eventuale terapia è, dunque, quello di garantire una buona qualità della vita e periodo post-menopausa: la cura dovrà essere prescritta dal medico, che saprà personalizzarla in base alle cause scatenanti, all’età e allo stato di salute della paziente, scegliendo il dosaggio e la durata del trattamento.

    Per ottenere sollievo dai sintomi della menopausa precoce, è possibile che vengano prescritti una terapia ormonale sostitutiva, la pillola anticoncezionale – nel periodo di transizione dalla fertilità alla menopausa precoce – antidepressivi, gel, creme e lubrificanti: tutti questi farmaci servono solo a migliorare la sintomatologia, di cui abbiamo parlato prima, derivante dalla menopausa precoce.

    I rimedi

    Ci sono alcuni rimedi per la menopausa precoce e dei consigli da seguire per fare prevenzione, nei confronti delle conseguenze che questa condizione potrebbe comportare. È possibile, infatti:

    • Assumere integratori di vitamina D e di calcio, contro l’osteoporosi;
    • Fare attività fisica regolare, per mantenere i tessuti in buono stato e migliorare l’umore;
    • Seguire un’alimentazione equilibrata e sana, a basso contenuto di grassi;
    • Evitare di fumare e bere alcolici.

    La prognosi

    Infine, la prognosi dipenderà da diversi fattori – come dalla tempestività di intervento, dalle cause scatenanti, dall’età e dallo stato di salute della paziente – ma i risultati possono riguardare solo la sintomatologia: la menopausa precoce è, infatti, una condizione irreversibile.