Memoria: scarabocchiare aiuta a ricordare meglio

Memoria: scarabocchiare aiuta a ricordare meglio

Scarabocchiare non è un atto privo di utilità, infatti in uno studio si è rivelato un mezzo molto utile per migliorare le prestazioni della nostra capacità di ricordare

da in Cervello, Memoria, Primo Piano, Psicologia, Ricerca Medica
Ultimo aggiornamento:

    disegni

    La nostra memoria può essere messa a frutto da precise strategie che possono potenziare la nostra capacità di trattenere le informazioni e ricordarle al momento giusto. Spesso non servono tecniche complesse, ma basta utilizzare semplici accorgimenti. Per esempio è stato provato scientificamente che scarabocchiare può essere un valido aiuto per la nostra memoria.

    La conferma viene dai ricercatori del reparto di scienze cognitive del Medical Research Council della Cambridge University con uno studio pubblicato su “Applied Cognitive Psychology”. I ricercatori sono giunti alla conclusione che scarabocchiare aumenta le capacità della memoria del 29 %.

    40 volontari avevano il compito di ascoltare per due minuti circa un messaggio preregistrato che conteneva vari nomi di persone e di luoghi e poi dovevano scrivere un promemoria per un collega, in modo da riportare quante più informazioni fosse loro possibile scrivere. Metà dei soggetti, mentre ascoltavano il messaggio, potevano scarabocchiare come volevano su un foglio di carta.

    Si è constatato che i soggetti che avevano scarabocchiato erano in grado di ricordare 7,5 nomi di persone o di oggetti; coloro che invece non avevano avuto la possibilità di effettuare scarabocchi ricordavano una media di 5,8 particolari ascoltati.

    Scarabocchiare e mettere insieme linee e forme in modo confuso, attività che tutti abbiamo sperimentato più di una volta senza un’apparente ragione, non è un processo quindi fine a se stesso, ma ha uno scopo ben preciso che mira a migliorare le nostre prestazioni mentali.

    Quello che apparentemente potrebbe sembrare un sistema che ostacoli la memoria, in realtà si rivela un ottimo mezzo per renderla più efficace.

    Immagine tratta da: www.mediasuk.org

    324

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CervelloMemoriaPrimo PianoPsicologiaRicerca Medica
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI